RSS Feed

Category Archives: West

“Why we still like the Germans (and will always like them).” 2

Posted on

Ulrich Beck:
“Europe’s crisis is mental”

Ulrich Beck (born 1944). German sociologist

Ulrich Beck (born 1944) professor at the Ludwig-Maximilians-University Munich until 2009 now holds a professorship at Munich University and at the London School of Economics. Wikimedia (source)

 

Ulrich Beck, who coined the term risk society, is a professor of Sociology at Munich University and at the London School of Economics (read further.)

[full text of an article appeared (April 10, 2014) on the Roman daily La Repubblica. The said article is here paraphrased, translated and abridged by MoR]

Dante, Mozart
and the future of Europe

Dante & Mozart. Accordind to Beck, Europe's future restarts from them (many themes from our blog reverberate to this and other notions by Ulrich Beck (not many doubts about it)

Dante & Mozart. According to Beck, Europe’s future restarts from them (many themes from our blog reverberate to this and other notions by Ulrich Beck. Source from the Cisl Scuola web site

Europe’s crisis is not economical, it is mental. It is a lack of imagination as for the good life beyond consumerism.

Most critics of Europe are caught in nostalgic nationalism. French intellectual Alain Finkielkraut, for example, argues that Europe was created against the Nations.”

Such criticism – Beck observes– is based on a national illusion and presupposes a national horizon as for Europe’s present and future.

To these critics, Beck retorts:

“Open up your eyes! Europe and the whole world is going through a big transition.”

He then brings forth two paradoxical examples:

All British media are full of accusations against the EU. Eurosceptic Britain is nonetheless shaken by a wave of European public opinion unknown before.

China, as a result of its investment policy & economical dependence, has long been an informal member of the euro-zone. Should the Euro fail, China would get a hard blow.

Cosmopolitanism vs
citizens of the world

It is clear that advancing cosmopolitanism does not produce citizens of the world. On the contrary, the need for boundaries gets stronger as the world gets more cosmopolitan.

“Out of Euro, out of EU!”

Thus French Marine Le Pen‘ s extreme right-wing NF has won in France.

Putin, on the other hand, has collected the ‘need of boundaries of the Russians’ with his motto:

“Where there are Russians, there is Russia.”

However, such aggressive Russian nationalism – Beck continues – proves that one cannot project the past of the nations onto the future of Europe without destroying the future of Europe itself.

ψ

Ulrich Beck: “What if Putin’s ethno-nationalism were a salutary shock for Europe plagued by national selfishness?”
Alain Finkielkraut: “We Europeans are traumatized by Hitler!”
Ulrich Beck: “Yet, Hitler despised the Nation and desired to replace it with the Race. So it seems we want the nations to atone for Hitler’s folly. Due to their Holocaust trauma, should the Germans therefore erase nationalism entirely?
No, but we have a common premise here:

The catastrophe of the Holocaust, of Hitler and Nazi Germany (with the Nuremberg trials).

Such tragedy has helped us develop the notion of crimes against humanity. Hence a new dimension saw its birth, European law, which relativizes national law. At the same time a new world-wide scope of humanity was born : the ‘never again’ ethics.

Then Beck adds two arguments:

The world and us need more than ever a “European vision” for coping with the ills of globalization (climate change, poverty, inequality, 1% vs 99% etc. in the US, war, violence). The idea is that the mobilizing force of a forewarned disaster can found a European identity.

Also …. [to be continued]

Capitoline She-Wolf. Rome, Musei Capitolini. Public domain

Previous installment:

“Why we still like the Germans (and will always like them).” 1

Sex and the city (of Rome) – or (of Albion?). Season II. 2

Posted on

Stonehenge

[Draft, incomprehensible perhaps, havin’ just fun writing ]

 

Massimo: “Master, am I ready now?”

Giorgio: “Not yet”

Massimo [read about him when much younger Giorgio ‘discovered’ him (διδάσκαλος btw always hid his capabilities by looking naive: one among many tricks he had / has. Or was / is he really naive?] :

“One thing διδάσκαλε. Why have you skipped the ‘secret of the secrets post’? Will you mean that readers can rest also on Saturday?”

Giorgio, an inscrutable look in his eyes: “This is not important. Do you know who I really am μαθητής?”

In Britannia, oceani insula
cui Albion nomen est …

Manius like a numen from another universe was piercing the scene through the mist of his mind. Much to his surprise he became capable of ‘sensing’ the pupil (μαθητής) giving his Master (διδάσκαλος, Didaskalos) an ancient look that made Britannicus of the Papirii – seasoned soldier of Rome – shudder.

He could also perceive Massimo kneeling on one knee and uttering, gravely:

“O ancient-wisdom philosopher, o supreme mathematician & guide of my troubled life. I am so confused διδάσκαλε. It suddenly turned that …. (he looked kind of embarrassed now) it turned that I was unbeatable, Master, yesterday morning, on the A.S. Roma‘s soccer field. What the hell is going on διδάσκαλε? Doesn’t that reveal I a-m ready???”

 

Massimo being strong willed was no match at all for Giorgio, who ignored him, unemotional, expressionless.

It looked as if he had forgotten his pupil, absorbed as he was in his constant daily writing on his notebooks (he had a full collection of them …)

 A soldier quakes

In another time, another place a strong and iron-willed soldier lost his sight and began to quake as if possessed by demons [καὶ λέγουσιν Δαιμόνιον ἔχει …] His head was exploding.

With an immense effort – due to the brutal training typical of any Roman army of any time – helped just a little bit by his three timid-but-perfectly-fit slaves (they were strictly forbidden to help: a black man, two female slave musicians) – the soldier of Rome succeeded di stendersi a terra, aspettare che il dolore finisse e poi lentamente, sollevando la testa verso la luna piena, recitare debolmente, ma fermamente, la seguente preghiera, che lo portò alla calma … all’amore divino …

Full moon rising from the ocean. Click for credits

Full moon rising from the ocean. Click for credits

 

Tu Luna,
luce feminea conlustrans cuncta terrarum,
iam nunc extremis subsiste,
et pausam pacem, Regina, tribue.

You Moon,
Who with your female light illuminate all lands,
Please help me in this time of adversity
And grant me, Queen, dulcis peace, and rest.

 

Ancora dolore e poi di nuovo calma e un senso di amore nuovamente a pervaderlo, che però in questa fase buia durava in effetti poco e quindi pregava spesso e ancora più spesso beveva (l’orrenda, densa birra dei barbari anglosassoni).

La vita era schifosa e bella, allegra e triste, lancinante e vibrante. E poi arrivavano quelle visioni, come in una nebbia, che oltre ad ossessionarlo gli facevano letteralmente scoppiare l’encefalo.

Dopo che Cinzia, l’unico vero amore della sua vita (Manius dei Papirii era monogamo, costume forse succhiato dalla poccia materna – parola etrusca – cioè dalla madre, nativa di Roma, madre romana dall’Urbs del mondo intero), da quando cioè Cinzia, beh, il dolore era stato talmente forte che – come Orazio, Virgilio Catullo (i sacri autori) e come soprattutto Cesare, il padre di tutto e facitore della potenza romana – da quando in sostanza Cinzia preferì un semplice retore a un filosofo pitagorico (lui) Manius si era dato agli amori facili con schiave e schiavi.

Altro precetto, oltre la tendenza alla monogamia, di sua madre – donna forte e santa che si concedeva pochi vizi (qualche droga bizantina, qualche massaggio persiano alle terme) – era che la ‘familia’ andava meglio se il paterfamilias era come – e qui giù con espressione ineffabile e Rasna – era come dire un tronco (raffinato termine dal double entendre, altra espressione, questa, dal patois gallico). Un tronco, cioè il pater, che teneva solo la casa eretta in piedi dando gioia a lei (double entendre) e a tutta la maison.

E l’amata sposa, virtuosa e traendo dal tronco forza, ci costruiva – si ripeté per farsi coraggio pensando a Iside – ci costruiva attorno la casa, come aveva fatto Ulisse, un Ulisse femmina (o androgino ermafrodito: concetto complesso esoterico, dai risvolti misticamente vibranti).

Infine, cherry on the pie (stava imparando l’anglosassone?) e altro precetto e aforisma (ne sentirete parecchi) di quella santa donna, tipicamente romano nella sua praticità e eticità al contempo, era che gli schiavi qualunque fosse il loro sesso dovevano innamorarsi del Pater (anzi “andavano acquistati – diceva la donna mentre pregava i Lari – proprio con questa tendenza nel loro Geist (Aenglish?), tendenza d’amore servile ma amore non the less verso il capo sommo e sacerdote supremo familiare.

“Tutto sarebbe andato meglio, better still (Aenglisc ancora dannazione!), veramente meglio” gli aveva ripetuto più volte in un latino quasi ciceroniano (era poliglotta Mutti, parlava una decina di lingue usate in giro per l’impero ivi compresi 3 dialetti gallici appresi ad Augusta Taurinorum prima del divorzio con il provinciale montanaro (suo padre, ma di prische virtù che a Roma, diciamolo pure – pensò Manius – si cercavano con la torcetta).

Precetto, diceva la dolce bella madre ricamando sonoramente sull’idea (aveva la passione della lira e della poesia, e a Torino aveva appreso l’arpa celtica da una schiava gallica con cui amava celebrare, assieme ad altre donne, il culto santo della Dea Bona: Bona, diciamolo, nozione sacra e veramente misterica (oltre che romana) per cui una donna bella a Roma era detta Bona), precetto poi che assicurava (se ne era accorto anche a Roma con il nuovo Pater di sua madre) che le casa funzionasse liscia come l’olio spalmato sul corpo bello, possente e attraente dei gladiatori.

 

ψ

Questo Manius pensava pregando di nuovo in ginocchio la Juno della madre.

Poi scuoteva la testa e pensava:

Ma che ‘familia’ è la mia ormai? Vivo qui, intrappolato in una torre, giocattolo di questi lerci tedeschi di cui si sente il puzzo già a quattro milia passum (e che disprezzo dal profondo dell’inner Geist.)

Perché non lo uccidevano per Bacco? Ne avrebbe portato almeno una ventina con sé nell’Ade (Manius era addestrato come il pitagorico Milone) ma almeno poi avrebbe finito la sua vita fallita e svilita per gemere tra le ombre sotterranee (ancora più infelice, non importa … ma – si chiese angosciato – c’era solo l’Ade o qualcos’altro? Scacciò il pensiero con rabbia, il Magister non lo voleva ricordare poiché anche Cinzia era stata sua allieva e nel giardino della bella domus subalpina di *** si erano dati il primo, dolcissimo, profondo, bacio d’amore.”

Scese dal piano di avvistamento all’aria aperta a quelli inferiori, protetti da occhi indiscreti.

Perfetti, nel corpo e nello spirito

I suoi schiavi erano perfetti, nel corpo e nello spirito, allenati da lui come lui a sua volta era stato allenato (e iniziato) dal Magister, provinciale forse ma di una certa fama ad Augusta Taurinorum, dove viveva ancora suo padre risposatosi con una ricca vedova, di razza celtico ligure (il padre) – un romano provinciale d’altri tempi che gli aveva trasmesso valori d’altri tempi, discendete di quei galli togati del Nord ovest, al confine con la Gallia Grande e un tempo comata (ma ora totalmente romanizzata che però si ostinava scioccamente ad adorare non si sa cosa di mistico in quel bel vulcano del massiccio centrale, il Puy de Dôme, nel territorio degli Arverni, il popolo del valoroso Vercingetorix.

ψ

Depressso, Manius Lentulus chiamato Britannicus scese i rozzi gradini con spiritualmente spossata lentezza.

Voleva una notte d’amore con uno dei servi. Gli altri due sarebbero rimasti in piedi in funzione cubicolare, attorno cioè al giaciglio (se serviva qualche bevanda, un massaggio, se serviva protezione da un attacco improvviso, giaciglio (spartano) dove il paterfamilias – con potere di vita e morte come ai bei tempi della Roma bella sacra santa – cavalcava (o veniva cavalcato, cives ormai allo sbando e senza dignitas), cavalcava, e veniva cavalcato, per tutta le santae ore della notte. Stava lasciandosi andare, lo sapeva, ma non certo gli faceva difetto il vigore, di razza romanao pura, da parte Mutti, e montanara taurina (più tosta, i romani de Roma inesorabilmente decadevano) da parte di Pater.

Ne vigore mancava ai suoi servi, atleti perfetti, come lui …

Manius era in realtà – pensò (ma qualcuno osservandolo inosservabile non era d’accordo) una nullità. Privo ormai della Venus urania si dava come logica conseguenza, quasi teorema spirituale, alla Venus carnalis.

Essere amato teneramente, rifletté con tristezza, era meglio di niente.

Anche se va da sé che non poteva amare degli animali parlanti, ma averne affetto come per un pet o puer, oh questo sì, oh veramente sì, lui lo poteva, eccome se lo poteva, perché era questa la sua familia, non un gran che – i suoi compagni di scuola, pensò, un riso amaro sulle labbra, avrebbero sghignazzato frasi scurrili (compagni in realtà sublimi, ma il sublime e lo scurrile non si fondevano forse in unità superiore, neo platonicamente?)

Platonicamente ma alla romana si intende (questa cosa dello scurrile e del sublime).

Sebbene in crisi profonda Manius Papirius Lentulus era ancora un soldato: amava la cultura greca ma solo se filtrata dall’urbs.

“Perché – l’encefalo esplodendogli, e si trovava misteriosamente, e fisicamente, di fronte ad un uditorio di Augusta – l’atto sublime dell’osanna – disse calcando la voce, la gente lo guardava attonita – alle pompae triumphales dei bei tempi, verso quei condottieri  vincitori osannati e elevati quasi a dio su terra,  andava controbilanciato, per arrivare alla mediocritas – qui la voce si fece sghignazzo possente mistico –  con i l-a-z-z-i della soldatesca!!”

Il pubblico sobrio della città di Torino era esterrefatto.

ψ

Sublime e scurrile, ripeté debolmente.

Giunto nella stanza principale prese la mano di uno dei suoi schiavi.

Il buio del locale appena illuminato da una torcia non fece distinguere se la mano presa con tenerezza (la stessa che provava per i i cani e gli esseri inferiori della natura) fosse di pelle bianca o nera ….

ψ

 

 

Related posts (see also links above) :

Sex and the city (of Rome). Season II. 1

You may like Sex and The city (of Rome.) Season I:

Sex and the City (of Rome). 1
Sex and the city (of Rome) 2

Sex and the city (of Rome) 3
Sex and the city (of Rome) 4
Sex and the city (of Rome). A Conclusion

Also:

Caesar, Great Man (and Don Juan)

Silvestri, Berlusconi and the Emperor Tiberius

I Saturnali a Roma: frenesia, banchetti, schiavi e regali. Somiglianze con Natale e Capodanno (2)

Tempio di Saturno a Roma, alle pendici del Campidoglio. Click for attribution

English original

I Saturnali al tempo di Nerone

Roma, 17 dicembre, 62 dopo Cristo. Nerone è a capo dell’impero romano. Il filosofo Seneca scrive una lettera (n. 18) all’amico Lucilio:

December est mensis
(E’ il mese di dicembre)
cum maxime civitas sudat.
(quando la vita è più intensa che mai in città.)
Ius luxuriae publice datum est;
(Il diritto all’eccesso è stato ufficialmente proclamato;)
ingenti apparatu sonant omnia […]
(ogni angolo risuona dei chiassosi preparativi  […])

L’inizio della festa più amata a Roma e nel resto dell’impero, i Saturnalia, è stato ufficialmente proclamato. L’eccitazione cresce ovunque.

Il filosofo, tranquillamente seduto nel suo elegante tablinum, riflette su ciò che lui e il suo amico dovrebbero fare, se cioè partecipare o meno alla gioia dei banchetti.

Si te hic haberetur,
(Se ti avessi qui)
libenter tecum conferrem quid estimare esse faciendum […]
(sarei felice di consultarti su ciò che sia opportuno fare […])
utrum nihil ex cotidiana consuetudine movendum,
(se lasciare immutate le nostre quotidiane abitudini,)
an, ne dissidere videremur cum publicis moribus,
(o, per non sembrare fuori sintonia con i costumi della gente,)
et hilarius cenandum et exuendam togam
(se anche noi dobbiamo banchettare allegramente e toglierci la toga)

Banchetto in un affresco a Pompei

Modalità del rito

Il sacrificio ufficiale – che si celebra nel tempio di Saturno, sul lato occidentale del foro – è probabilmente terminato. Sarà seguito a breve da un banchetto nello stesso tempio durante il quale i partecipanti grideranno il saluto augurale: Io Saturnalia! (che ricorda i nostri brindisi di Capodanno) e dove la celebrazione presto si trasformerà in una festa accesa e caotica.

Una (vaga) idea della cerimonia può esserci fornita da un testo rituale scritto da un neo-pagano ricostruzionista, Apollonius Sophistes [vedi il sito Biblioteca Arcana].

L’obiettivo di Apollonius è quello di far rivivere il rito nella vita reale.

ψ

Mario: “Celebrare il rito oggi?? Ma è fuori di testa questa gente?”

Extropian: “Forse, anche se cercare di rivivere forme di paganesimo con un minimo di accuratezza storica è sempre meglio dei pastrocchi alla Wicca. Il che, in un caso o nell’altro, non fa per me”.

Dettaglio dalle ‘Rose di Eliogabalo’ del vittoriano Lawrence Alma Tadema (1836-1912). Click to zoom in and enter Tadema’s vision of Roman Antiquity

Banchetti nelle case e doni

L’euforia pervade la città. I banchetti nelle abitazioni private saranno sregolati, come succede ogni anno. Ci si appresta agli ultimi ritocchi a piatti elaborati, biscotti, doni, alla disposizione di candele (cerei) che simboleggiano la rinascita del sole; si preparano pupazzi di pasta (sigillaria) e si finisce di organizzare spettacoli, danze e musiche, tra cui una scelta di canti non di rado scurrili ed altri di tono più elevato, spirituale.

Brevi testi, proprio come i bigliettini dei nostri regali, accompagnano i doni. Il poeta Marziale, che ne ha composti diversi nei suoi epigrammi, ci dà informazioni sul tipo di regali scambiati:

“Tavolette per scrivere, dadi, aliossi [un gioco con ossicini ormai in disuso, ndr], salvadanai, pettini, stuzzicadenti, cappelli, coltelli da caccia, scuri, lampade di vario genere, biglie, profumi, pipe, maiali, salsicce, pappagalli, tavoli, tazze, cucchiai, capi di abbigliamento, statue, maschere, libri, animali domestici”.
[elenco tratto dalla Wiki inglese]

Licenza degli schiavi,
vesti e formulazione di desideri

Agli schiavi sarà permesso ogni tipo di licenza (o quasi). Un maestro della festa o ‘re del disordine’ impersonerà il gioviale Saturno con la barba che, scelto a sorte nelle case, orchestrerà il divertimento (personaggio simile al nostro Babbo Natale).

[Un Lord of Misrule è figura comune del Natale britannico nel medioevo, con ruolo quasi identico, così come il Pape des Sots o des Fous in Francia]

Scrive lo storico americano Gordon J. Laing (Survivals of Roman Religion):

Gli schiavi dei Saturnali romani erano “autorizzati a trattare i loro padroni come fossero loro pari. Spesso infatti padroni e schiavi si scambiavano i ruoli e questi ultimi venivano serviti dai primi […] Un ‘re’ scelto a sorte ordinava a un ‘suddito’ di ballare, a un altro di cantare, a un altro ancora di portare sulle spalle una flautista e così via. Con tale gioco i romani ridicolizzavano la regalità”.

L’assiro Luciano di Samosata scrive nei suoi Saturnalia (un dialogo satirico del II secolo d.C. che si svolge tra Kronos-Saturno e il suo sacerdote)

“Durante la mia settimana [è Crono che parla, ndr] la serietà è bandita; ogni commercio e attività sono proibite. Il bere, il chiasso, i giochi e i dadi, la scelta dei re e la gioia degli schiavi che cantano nudi, il battito frenetico delle mani e i visi con la bocca tappata che vengono tuffati nell’acqua gelida: sono queste le funzioni a cui presiedo […] questo il periodo di festa, quando è lecito ubriacarsi e gli schiavi hanno licenza di insultare i loro padroni”.

Come alla vigilia del moderno Capodanno, è il momento di esprimere i desideri per l’anno a venire. Dice Crono al suo sacerdote:

Crono: “Volgi il pensiero a ciò che mi vuoi chiedere […] farò del mio meglio per non deluderti”.

Sacerdote:
“Nessuna originalità in proposito. Le solite cose, per favore: ricchezza, abbondanza d’oro, proprietà di terre, folle di servi, gaie e morbide vesti, argento, avorio, in realtà tutto ciò che è di un qualche valore. O migliore dei Croni, dammi un po’ di queste cose!”.

I Sansculottes della rivoluzione francese con i ‘berretti della libertà’, tipici degli ex schiavi o liberti. Essi erano copricapo comune nei Saturnali come simbolo d’uguaglianza

Come si vestiva la gente? In modi che suggerivano l’uguaglianza sociale. Seneca aveva infatti accennato al fatto di togliersi la toga, indumento solenne e d’alto ceto. Le gente ai banchetti indossava infatti la synthesis, un semplice vestito da cena, e il pileus, il berretto conico dei liberti, un cappello di feltro aderente simile al cappello frigio che non a caso in epoche successive diverrà l’icona della libertà nelle rivoluzioni francese e americana [il bonnet rouge dei sanculotti: vedi l’immagine sopra].

[per ulteriori informazioni (in inglese) sui Saturnalia: Lacus Curtius; un bell’articolo di Mary Beard e la ricca voce Saturnalia della Wikipedia inglese]

Intellettuali in conflitto

Di fronte a tanta frenesia lo stoico Seneca propende per la via intermedia (notate l’accenno alla folla ‘pilleata’, che indossa cioè i ‘pilei’):

Si te bene novi,
(Se ben ti conosco)
nec per omnia nos similes esse pilleatae turbae voluisses
(avresti desiderato che non fossimo né simili alla folla imberrettata)
nec per omnia dissimiles;
(né del tutto dissimili;)
licet enim sine luxuria agere festum diem
(è opportuno infatti partecipare alla festa senza eccessi.)

E’ comprensibile. L’intellettuale tende a comportarsi diversamente dall’uomo della strada, ed è spesso (ma non sempre) infastidito e un po’ blasé di fronte al trambusto della gente comune.

Durante le feste di dicembre che si svolgono a casa sua “Plinio il giovane – scrive Mary Beard nell’articolo citato – si rifugia altezzosamente nell’attico per continuare a lavorare (non vuole rovinare il divertimento dei servi – ma, forse ancor più, non vuole esporsi ai loro giochi ruvidi)”.

Catullo in visita da Lesbia. Laurence Alma Tadema (1836-1912)

Il poeta Catullo invece adora i Saturnali (“il periodo più bello”) così come il poeta Stazio, che alla fine del I secolo d.C. esclama:

“Quanti anni ancora durerà questa festa! Mai il tempo cancellerà un così santo giorno! Finché esisteranno le colline del Lazio e il padre Tevere, finché la tua Roma rimarrà in piedi, e il Campidoglio, che hai restituito al mondo, i Saturnalia vivranno”.

[Silvae, I.6.98 e sgg.]

ψ

E infatti i Saturnali per molti aspetti sopravviveranno, come abbiamo visto e forse ancora vedremo.

ψ

Prima parte sui Saturnalia:

Sopravvivenza dei Saturnalia dell’antica Roma nel Natale, Capodanno e Carnevale (1)

Sopravvivenza dei Saturnalia dell’antica Roma nel Natale, Capodanno e Carnevale (1)

English original

Cerchiamo di capire come i Saturnalia (la festa più popolare della Roma antica e la più diffusa in tutto l’impero romano) possano essere sopravvissuti fino a noi. Qui sotto vediamo una statua del dio Saturno, a cui la festa era dedicata.

Il dio Saturno. Museo nazionale del Bardo a Tunisi

Saturno e l’età dell’oro

Saturno, dio romano dell’agricoltura e divinità assai antica secondo le fonti, aveva (ed ha) il proprio tempio ai piedi del Campidoglio, nel Foro Romano. L’edificio ospitava una statua del dio con in mano una falce. La statua, di legno e successivamente d’avorio, aveva i piedi incatenati da fili e trecce di lana, che venivano slegati soltanto durante i Saturnali, cioè dal 17 dicembre in poi.

Il tempio venne ricostruito tre volte e le otto colonne che vediamo oggi nel foro (cfr. l’immagine qui sotto) sono ciò che rimane dell’ultimo rifacimento.

Non è un caso, credo, che il tempio ospitasse anche quanto di più prezioso vi fosse a Roma, cioè il tesoro della città o aerarium (monete, lingotti ecc.). Perché?

Perché nella mente dell’antico romano medio il dio Saturno – che, sconfitto da Giove suo figlio, trovò rifugio in Campidoglio – aveva portato nel Lazio la mitica Età dell’Oro (Aurea Aetas), un’era felice in cui gli uomini erano uguali, le leggi non necessarie, la primavera perenne e la terra spontaneamente prodiga di grano biondo e fiumi di latte e nettare che scorrevano meravigliosamente.

Il tempio di Saturno nella parte occidentale del Foro Romano. Solo il portico frontale con le sue 8 colonne è ciò che resta. Click for attribution and to zoom in.

Parole da un lontano passato

Ma ascoltiamo la descrizione dell’età dell’oro direttamente dalle parole suggestive di un antico romano, Ovidio (Metamorfosi, I, 89 e sgg.):

aurea prima est aetas
(prima viene l’età dell’oro)
sponte sua sine lege fidem rectumque colebat
(che alimentava spontaneamente, senza bisogno di leggi, verità e bontà)
nec supplex turba timebat iudicis ora suis, sed erant sine vindice tuti
(non vi era folla di supplici che temesse il volto del giudice: si viveva in sicurezza senza bisogno di protezione)
mollia peragebant otia gentes
(in molle pace la gente conduceva l’esistenza)
ver erat aeternum
(la primavera era eterna)
per se dabat omnia tellus … fruges inarata ferebat
(e la terra spontaneamente dava tutto … il frumento, non arato, cresceva)
flumina iam lactis, iam flumina nectaris ibant
(qui fiumi di latte scorrevano, lì torrenti di nettare)


Rievocazione di un’età senza legge

Ora è chiaro che i Saturnali erano una sorta di rievocazione di tale primordiale età senza legge in cui gli uomini vivevano in eguaglianza e abbondanza di tutto.

Durante i Saturnali i ricchi doni della terra erano celebrati con feste e banchetti in cui ai celebranti, riscaldati dal vino, era lecito trans-gredire (letteralmente, ‘andare oltre’, da trans + gradior) fino a stati superiori (o inferiori) della mente che potevano comportare esaltazione, spiritualità, atti esoterici, scherzi villani, giochi d’azzardo, promiscuità, scambi di doni, e in cui agli schiavi era concessa la più ampia licenza in ricordo di un’età in cui vigeva la parità tra gli uomini. Tali cerimonie collettive (come anche i riti di Dioniso noti a Roma come Baccanali) erano spesso indicate con il termine greco ὄργια o con quello romano di orgia.

[Da notare che i termini antichi solo vagamente si ricollegano al termine moderno ‘orgia’, fosse solo per il fatto che avevano significato religioso]

A differenza del culto di Saturno, quasi sconosciuto al di fuori del Lazio, i Saturnalia divennero la festa più diffusa in tutte le province dell’impero, amata da gente di ogni condizione sociale, finché essa non venne abolita dal Cristianesimo.

I cristiani in realtà non poterono eliminare del tutto i Saturnalia e così la festa fu assorbita nel Natale [vedi dopo]. Questa festa pagana sopravvisse in forme mascherate in Italia, Inghilterra, Germania, Francia, ecc.

Cerchiamo di capire meglio. Alcuni aspetti dei Saturnalia possono infatti apparire incomprensibili ai moderni.

Anche il Carnevale significava il rovesciamento dell'ordine e un passaggio dall'inverno alla primavera

Cicli e riti di passaggio

I Saturnalia appartenevano a quei riti tipici delle culture agricole più antiche di tutto il mondo.

Tali culture avevano una visione ciclica, cataclismatica – e non lineare – del tempo.

Scrive Chiara O. Tommasi Moreschini:

Siamo di fronte a “una nozione di ‘cosmo’ costituito da cicli, nati dal caos e al caos destinati a ritornare mediante una ‘catastrofe’ o ‘grande dissoluzione’, unitamente alla sete di rigenerazione e rinnovamento implicite nel compiersi dei rituali orgiastici, le cui forme aberranti rappresentano una degradazione di questa idea del ritmo dell’universo. Giacché ad un livello cosmologico l’orgia rappresenta il caos, ossia la scomparsa di limiti o barriere e la fusione in una unità, il desiderio di abolire il tempo è particolarmente evidente nelle orge che avvengono, in varie forme, durante le feste del nuovo anno, considerato il dramma stagionale per eccellenza. Insieme alle altre caratteristiche di eventi analoghi, il ritorno simbolico del caos primigenio indica l’abolizione del tempo profano in modo che si compia la dissoluzione del mondo ed il ripristino del momento mitico in cui inizio e fine coincidono. È questo il motivo per cui tali feste sono costantemente caratterizzate da un tentativo di abolire ordine e consuetudini, dando libero corso alla licenza, violando le regole e sospendendo le leggi, con possibili ribaltamenti delle condizioni sociali, e, in altre parole, convergenza degli opposti”.

L’universo, la storia si ripetevano dunque in un eterno ritorno ad epoche mitiche in modo che la fine di un ciclo (solare, annuale, lunare o stagionale) generava un nuovo inizio; così che la dissoluzione coincidesse con la rigenerazione, il caos, l’arbitrarietà e la trans-gressione si tramutassero in un nuovo ordine in cui la gente si sentiva rigenerata e disposta a tornare alla norma.

Il sole sorge all'orizzonte

Tali momenti di passaggio venivano celebrati in festività in cui la promiscuità era un modo per ottenere la fertilità.

“L’antichità classica – nota ancora Chiara O. Tommasi Moreschini – ricorda varie feste durante le quali ciò che di norma era proibito era invece tollerato: i Sacaea a Babilonia o nella regione del Ponto, che erano celebrati in estate in onore della dea Ishtar o Anaitis e che comprendevano, tra l’altro, un re travestito da servo; lo Zagmuk, o festa delle ‘sorti’, che si celebrava in Mesopotamia all’inizio dell’anno ed annoverava licenza in materia sessuale, oltre alla detronizzazione simbolica del re; i Kronia in Grecia [ad Atene e in Attica, MoR] ed i Saturnalia a Roma [il romano Saturno e il greco Kronos vennero identificati dai Romani, MoR]; ma altresì feste femminili come le Tesmoforie o la celebrazione romana della Bona Dea [di cui una descrizione, in questo blog, è nel post Sex and the city (de Roma) 2, MoR], che offrivano alle donne l’opportunità di indulgere a modo loro in certi eccessi”.

Tracce nella mente dei moderni

Ora è probabile che questo passato spirituale (assieme al perdurante effetto dei mutamenti naturali) abbia lasciato / lasci profonde tracce anche nelle menti contemporanee. Continuiamo ad avvertire questo fine-inizio di qualcosa durante il periodo di Natale / Capodanno; l’effetto ci colpisce nel profondo, e ci agita anche, come una specie di sisma che ci investe. E, allo stesso tempo, sentiamo la dolcezza della famiglia e le sensazioni religiose cristiane.

Il che ci porta alla nascita di Cristo.

I Saturnali, la nascita del Dio Sole e Cristo

Disco dedicato a Sol Invictus (Sole Invitto). Argento, opera romana del III sec. d.C. Da Pessinus, Asia Minore. British Museum. Click for attribution

Data la popolarità dei Saturnalia i fondatori del cristianesimo, desiderando conquistare i pagani alla nuova fede, assorbirono i Saturnalia nelle celebrazioni della nascita di Cristo.

I Saturnalia iniziavano il 17 dicembre e si concludevano il 25 dicembre, il giorno del solstizio d’inverno secondo il vecchio calendario giuliano istituito da Giulio Cesare (è il nostro 21 dicembre secondo l’attuale calendario gregoriano).

Ebbene, quando nacque Cristo? Nessuno lo sapeva esattamente, anche se alcuni passaggi biblici fanno pensare alla primavera.

Fu Papa Giulio I che nel 350 d.C. scelse il 25 dicembre (corrispondente al nostro 21 dicembre, dunque il solstizio d’inverno), il che si rivelò una saggia decisione non solo per la data della fine dei Saturnalia, ma anche perché in quello stesso giorno, il 25, si celebrava da secoli la nascita di Mitra / Sol Invictus, il dio solare (e infatti il solstizio d’inverno altro non era che la morte / rinascita del sole).

E, va detto, il dio del sole in tutte le sue forme era molto amato. Prima di essere gradualmente sostituito dal Dio cristiano, il Sol Invictus era il culto ufficiale del tardo impero romano.

Capitoline She-Wolf. Rome, Musei Capitolini. Public domain

Extropian: “Secondo Tom Harpur (The Pagan Christ) pochi cristiani si rendono conto oggi che ancora nel V secolo d.C. [quindi ben quattro secoli dopo la nascita di Cristo!] Papa Leone Magno dovette ordinare ai fedeli di smetterla di adorare il sole”.

Mario: “Ho letto qualcosa in un forum americano: questa “diceria che i Saturnalia spesso degeneravano in una grande festa con orge e alcol … è ironico che noi cristiani utilizziamo questa giornata per celebrare la nascita del nostro Salvatore venuto su questa terra proprio per salvarci da tali peccati “.

MoR: “Be’, come detto prima, avvertiamo tutti come uno strano conflitto durante queste feste: combattuti tra religiosità e divertimento, eccesso e buona volontà, sentimenti della famiglia e consumismo pagano”.

MoR: “Un conflitto, forse, generato da quel compromesso antico (dare forma cristiana a feste pagane), conflitto che probabilmente era assente ai tempi dei Saturnalia, quando trans-gressione (l’andar oltre, l’eccesso) e religione non erano sempre separate come lo sono oggi. Al contrario, esse a volte coincidevano. τὰ ὄργια (o orgiae) era caratteristica dei culti misterici, intrisi di altissima spiritualità ed etica. Una cosa impensabile oggi, dopo quasi due millenni di Cristianesimo”.

ψ

Nel prossimo articolo vedremo meglio come si svolgevano i Saturnalia.

Roman Saturnalia. Frenzy, Banquets, Slaves and Gifts (2)

Originally posted on Man of Roma:

Temple of Saturn in Rome. Click for attribution and to enlarge

Saturnalian Days in Nero’s Time

Rome, 62 AD, December. Emperor Nero is ruling. The philosopher Seneca is writing a letter (num 18) to his friend Lucilius:

December est mensis
(It is the month of December)
cum maxime civitas sudat.
(when the city is in great sweat and hectic.)
Ius luxuriae publice datum est;
(The right to looseness has been officially given;)
ingenti apparatu sonant omnia […]
(everything resounds with mightily preparations  […])

The festival most loved by the peoples of the empire, the Saturnalia, has officially started. Excitement is growing everywhere.

The philosopher calmly sitting in his elegant tablinum is reflecting on what he and his friend should do, whether participate or not in the joy of the banquets.

Si te hic haberetur,
(If I had you here with me)
libenter tecum conferrem […]
(I should be glad…

View original 1,075 more words

Survivals of Roman Saturnalia in Christmas, New Year and Carnival? (1)

Originally posted on Man of Roma:

Dafna asked me to write about the Roman Saturnalia, a festival in honour of Saturn.

“Inspired by Richard’s musing about Christmas – she said – I just discovered the term: ‘Beginning in the week leading up to the winter solstice and continuing for a full month, Saturnalia was a hedonistic time ….’ Sounds like fun.”

So here we are Dafna, although my mind is blurred by all this saturnalian revels, starting in Italy on Dec. 24 and ending with the Epiphany, Gen. 6.

Quite a long time isn’t it.

Ma poi ecco l’Epifania
che tutte le feste si porta via.

Saturn & the Golden Age

Saturn, the Roman god of seed and sowing, very ancient according to sources, had his temple built at the foot of the Capitoline hill. It housed a wooden (later ivory) statue of the god filled with oil, holding a scythe and whose feet bound…

View original 1,297 more words

Roman Saturnalia. Frenzy, Banquets, Slaves and Gifts (2)

Temple of Saturn in Rome. Click for attribution and to enlarge

Saturnalian Days in Nero’s Time

Rome, 62 AD, December. Emperor Nero is ruling. The philosopher Seneca is writing a letter (num 18) to his friend Lucilius:

December est mensis
(It is the month of December)
cum maxime civitas sudat.
(when the city is in great sweat and hectic.)
Ius luxuriae publice datum est;
(The right to looseness has been officially given;)
ingenti apparatu sonant omnia […]
(everything resounds with mightily preparations  […])

The festival most loved by the peoples of the empire, the Saturnalia, has officially started. Excitement is growing everywhere.

The philosopher calmly sitting in his elegant tablinum is reflecting on what he and his friend should do, whether participate or not in the joy of the banquets.

Si te hic haberetur,
(If I had you here with me)
libenter tecum conferrem […]
(I should be glad to consult you […])
utrum nihil ex cotidiana consuetudine movendum,
(whether nothing in our daily routine should be changed,)
an, ne dissidere videremur cum publicis moribus,
(or, in order not to be out of sympathy with the ways of the public,)
et hilarius cenandum et exuendam togam
(in merrier fashion should we also dine and doff the toga)

What Is the Ritual like?

The official sacrifice held in the temple of Saturn at the Forum has probably ended. It is about to be followed by a banquet in that same place where participants will shout the auspicious salute: Io Saturnalia! (which reminds of our New Year toasts) and where things will soon turn into a heated, unruly feast.

Have a (faint?) idea of the ceremony in a ritual text written by a neo-pagan reconstructionist, Apollonius Sophistes.

Apollonius’ aim is that of performing the ceremony in real life.

ψ

Mario: “Performing it today? Are these people nuts??”

Extropian: “Possibly, but trying to re-establish forms of paganism with bits of historical accuracy is far more intriguing than any Wiccan mish-mash. Not my cup of tea in any case.”

Detail from ‘The Roses of Heliogabalus’ by the Victorian Lawrence Alma Tadema (1836-1912). Click to zoom in and enter Tadema’s vision of Roman Antiquity

Banquets in Homes with Gifts

Euphoria is pervading the city. Banquets in private houses will be unruly too, as it happens every year. These private feasts need a last-minute touch to the elaborate dishes, cookies, gifts, arranging of candles (cerei) symbolising the rebirth of the sun, little puppets of paste (sigillaria), music & dance preparations there including a choice of poetic (and often scurrilous) songs.

Little texts, like our gift-tags, accompany the presents. The poet Martial who wrote a few of them in his Epigrams throws light on what is about to be exchanged:

“Writing tablets, dice, knuckle bones, money-boxes, combs, toothpicks, a hat, a hunting knife, an axe, various lamps, balls, perfumes, pipes, a pig, a sausage, a parrot, tables, cups, spoons, items of clothing, statues, masks, books, and pets.” (list compiled by Wikipedia).

Slaves’ Licence, Dresses & Wishes

Slaves will be allowed (almost) any kind of licence. A Lord of Misrule impersonating jolly Saturn will be chosen in homes by lot and will direct the fun.

By the way, isn’t jolly Saturn a bit like Santa?

[The Lord of Misrule is a common figure in Medieval Britain with a similar role, and so is le Pape des Fous or des Sots in Medieval France]

The American historian Gordon J. Laing observes:

In ancient Rome slaves were “permitted to treat their masters as if they were their social equals. Frequently indeed masters and slaves changed places and the latter were waited on by the former […] A ‘king’ was chosen by lot, who would bid one of his ‘subjects’ dance, another sing, another carry a flute-girl on his back and so forth. In this play-king the Romans ridiculed royalty.”

The Assyrian Lucian of Samosata writes in his Saturnalia (a 2nd cent. AD satirical dialogue between Kronos-Saturn and his priest:)

“During my week [Kronos is speaking] the serious is barred; no business allowed. Drinking, noise and games and dice, appointing of kings and feasting of slaves, singing naked, clapping of frenzied hands, an occasional ducking of corked faces in icy water—such are the functions over which I preside […] this festive season, when ’tis lawful to be drunken, and slaves have licence to revile their lords.”

As in our New Year’s eve it’s time to make wishes for the year to come. Kronos asks his priest about his:

Kronus: “Make up your own mind what to pray for […] Then, I will do my best not to disappoint you.”

Priest:
“No originality about it; the usual thing, please: wealth, plenty of gold, landed proprietorship, a train of slaves, gay soft raiment, silver, ivory, in fact everything that is worth anything. Best of Cronuses, give me some of these!”

Sansculottes, icon figure of the French revolution, wearing the liberty berets typical of ex slaves and worn during the Saturnalia to stress social equality

How will people be dressed? In a way to stress social equality.

Seneca mentioned the doffing off of the solemn toga. People in banquets will wear the synthesis, a simple dinner dress, and the pileus, the conical cap of the freedmen, a felt close-fitting beret similar to the phrygian cap which not for nothing will in later ages be adopted as a freedom icon during the French revolution (le bonnet rouge: see image above) and in the Americas.

[Further information on Saturnalia at Lacus Curtius’; in a sparkling article by Mary Beard; and in Wikipedia’s Saturnalia entry]

Mixed Feelings of the Intellectuals

In front of all this frenzy the stoic Seneca is inclined to choose a middle between extremes (and he incidentally mentions the caps too):

Si te bene novi,
(If I know you well,)
nec per omnia nos similes esse pilleatae turbae voluisses
(you would have wished that we should be neither like the liberty-capped throng in all ways,)
nec per omnia dissimiles;
(not in all ways dissimilar;)
licet enim sine luxuria agere festum diem
(one may in fact enjoy holiday without excess.)

It is understandable. The man in the street will generally behave differently from the intellectuals, often (but not always) annoyed and a little blasé about all the fuss.

During the December revels occurring at his mansion “the younger Pliny- writes Mary Beard – loftily takes himself off to the attic to get on with his work (he doesn’t want to put a dampener on the slaves’ fun – but, more to the point, he doesn’t want to be disturbed by their rowdiness.)”

Catullus at Lesbia’s by Laurence Alma Tadema (1836-1912). Click to enlarge

The poet Catullus loves Saturnalia instead (“the best of days”) and so does the poet Statius who at the end of the first century AD will exclaim:

“For how many years shall this festival abide! Never shall age destroy so holy a day! While the hills of Latium remain and father Tiber, while thy Rome stands and the Capitol thou hast restored to the world, it shall continue”

[Silvae, I.6.98ff]

And in fact Saturnalia and some of its spirit will somewhat survive as we have seen and will perhaps later further see.

ψ

See part 1 on Saturnalia:

Survivals of Roman Saturnalia in Christmas, New Year and Carnival? (1)

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 161 other followers