RSS Feed

Category Archives: Sex

Is Ben Jonson (l’Aretino) a sadistic Fox?

Posted on
Una raffigurazione di Volpone di Aubrey Beardsley

Volpone‘s tunic is in fact VERY large, many pockets here and there hiding so many things one can never tell where this man will bring us. But in any case. *Grinning*. Source

By Volpone (aka MoR)

Hearts sometimes do skip a beat
[I am late with my post, MoR]
And in fact weird things occurring
And emerging disconcerting
It’ll be the matter elsewhere.

“Where, where, where, where”
[say the buds et li lettori enchanted]
Well, beloved friends, should you be there
Id est the 14th day after the previous writing …

“Inviting, exciting, so much reuniting”
[the buds in truth are restless, perturbed]
*He pauses. Reflects, and scratches a bit his perrwige. Then takes a deep breath*

Ψ

Now, luck yet send us, and a little wit
Will serve, to make our Play hit,
According to the palates of the season
Here is rhyme, not empty of reason.

This you were bid to credit, from our Poet,
Whose true scope, if you would know it,
In all his Poems, still, hath been this measure,
To mix profit, with your pleasure.

Not as some (whose throats their envy failing)
Cry hoarsely: all he writes is railing!

L’Aretino, subverting the system in Renaissance Italy. Source

Flavia & Fulvia: “Basta!”

Old Man [a bit from Arezzo, like L' Aretino, incidentally]: “Why on earth?”

Flavia [Fulvia does not know whether to leave or to stay, her boobs dancing, no matter what] :

“Because – Flavia’s smile is strange – you’ll never write that novel c’mon.

You are sadistic. Checking your exchanges it turns Andreas once wrote: “Ah, Man of Roma, you finally got Anglo-Saxons just need to be spanked.” Therefore, with a story that never starts … you keep them walking on thin ice “

Old Man: “Or on a razor’s edge, my domina. Although, your words making me upset, I will leave this room right now.”

[Exit]

*Flavia and Fulvia pale. They’ve caught a glimpse of a paddle’s (or of a whip’s) handle flashing from MoR’s large tunic*

Pietro Aretino as painted by Tiziano. Wikipedia

Pietro Aretino as painted by Tiziano. Wikipedia

Ψ

*The buds look unaffected. But Cyberqwil the Austrian is snickering & Pavlos the Greek merchant too, although his eyes are lost in the sees where he belongs*

Ψ

The Anglo-Saxons, ça va sans dire, control their emotions much better than we Latin do – *MoR is thinking* – also because (despite their virtues and staggering achievements) showing and accepting emotions is not their forte.

Which makes them even more addictive.

And yet, MoR’s probing mind – he always lived with women, incidentally – is sensing like glimmers in their eyes (the men and the women alike.)

No, no no, mamma mia!

If THAT is what they need (Andreas is always right, he’s German no kidding) my novel will make them blush.

Ψ

At the other end of Europe, on a rainy island, Erika Leonard aka  E. L. James is paling too.

For reasons nobody can fathom.

So far.

Fifty shades of grey

Related stuff:

[ I’ll take my time, although I’ll start with:

i. Andreas Kluth aka Hannibal Man in a TED conference on ‘failure and success in life’ as impostors (see If, by R. Kipling)

ii. Piero Boitani. 1. The Gospel according to Shakespeare. 2. Chaucer and the Imaginary World of Fame. 3. Il grande racconto delle stelle (P. Boitani’s summa btw where you find ALL (I took 6 months to read it Gosh! It is always on my desk) as Pietro Citati observes on Milan’s daily Corriere della sera.

Piero Boitani, Gabinetto Vieusseux, Firenze,  1910

Piero Boitani, Gabinetto Vieusseux, Firenze, 1910

Here’s Piero Boitani with Claudio Magris (our German studies guy and ‘Habsburg myth in modern Austrian literature’ expert, among the rest.)

Piero Boitani with Claudio Magris

 

 

 

 

 

14 Places in Egypt You Must Visit in 2014

14 Places in Egypt You Must Visit in 2014

Man of Roma:

Il Cairo. From Ansa. Fair use

Il Cairo. From Ansa. Fair use

[Needs some pruning perhaps and related posts and links at the end. After this blog's new graphical clothing is up and running. Too many WordPress pages tangled with posts: custom menus  may be the solution]

ψ

An excellent blog about Egypt. I will hunt for others.

Mario: “Why Egypt?”

MoR: “Everybody liking Antiquity must have Egypt in his / her mind.”

Fulvia: “I thought Greece and Rome shaped what became later the ‘proud West’ that conquered the world”

Extropian: “C’mon, Fulvia, that I can’t take my eyes away from your bazookas doesn’t mean you haven’t said ‘na stronzata!”
*they all laughing & winking at her*

The Tobacconist: “Allow me, Fulvia, friends. That the Greco-Romans of any time went, for their Grand Tour, to Egypt and to other Semitic lands – and beyond, with links to Mesopotamia & India – is a historical fact.”

ψ

A conversation actually occurring at an outdoors cafe in Piazza Campo de’ Fiori, clouds looming all over.

Campo dei Fiori a Roma. Cielo nuvoloso

Campo de’ Fiori a Roma. Cielo nuvoloso. Source. Courtesy of OtveTur.ru. Click on last link for great pictures of Rome

Clodia standing not far and overhearing our conversatioin, sits at our table in a flash.

A high-brow seductive slut of 45, Clodia. Some of us call her Lesbia, Catullus’ lascivious-refined lover).

“My dear friends – she breaks the ice – this conversation has captured my attention (and that female friend was so boring I much prefer here”
*Looking at the men furtively, her Scarlett-Johansson-like body invisibly vibrating*

“Should I remind you that in any philosophy manual for schools accurate scholars argue that philosophy and science were born in Greece? That other races, considered well not lower – on peut pas dire cela – toutefois incapable …”

ω

Everyone ignores her words, rejected in a quasi-careless way due to their absurdity, although, thing being, we are also – men and women alike – absolutely mesmerized by Clodia’s sensual magic.

It pervades the air round us since she sat down. Spring, despite the lousy weather, not helping much either.

ω

“A sensuality that could rival that of Cleopatra (had Cleopatra been less intelligent)” was the thought of a few of us.

Wrong, Clodia is refined and cultivated, but Cleopatra (Κλεοπάτρα Φιλοπάτωρ,) who seduced both Julius Caesar and Marcus Antonius and (which counts much more) the last pharaoh of Ancient Egypt c’mon.

Cleopatra VII in hieroglyphs

Cleopatra VII (69 BCE – 30 BCE), last Pharaoh of Egypt, in hieroglyphs. Click for source. Wikipedia

Vénus de l'Esquilin or Venus Esquilina

Esquiline Venus, found in 1874 on the Esquiline Hill in Rome (from the Horti Lamiani possibly). Capitoline Museums, Rome. To some scholar the model for this statue was Cleopatra herself

The Samnite, 30, his brand-new Sony smartphone in his left hand, saves us all:

“Let me see … yes. In A.L. Basham introduction to Oxford’s A cultural History of India one reads:

“The four main cradles of civilizations …. moving from east to west … [were] China, the Indian subcontinent, the Fertile Crescent, and the Mediterranean, especially Greece and Italy.”

Extropian: “That the Greco-Romans (and, later, proud conquering West) were considered the high races and the Semitic and other folks the lower races (incapable of real philosophy and science – you find it in almost all European manuals of the first half of the 1900, not just those by a certain type of German historians in the 1930’s.”

The Samnite: “Which means justifying colonialism with ideology and history (of philosophy, science etc.)”

MoR: “Despite the fact that history is never neutral, yes, this is the idea.”

Egyptian jewel

Egyptian jewel

 

Enjoy Egypt’s Antiquity, readers, much more ancient than the Greeks (and deeper in wisdom & philosophy, what do you think?)

Originally posted on Egyptian Streets:

Credit: Mohamed Hakem

The White Desert Credit: Mohamed Hakem

While Egypt may be facing political and social turmoil, Egypt’s exotic, mysterious and historic locations continue to stand, receiving adventurers and explorers. If you are thinking of exploring Egypt in 2014, then here are 14 must-visit places in Egypt, along with others that you should already have planned to see!

(Note: Many of these photographs are thanks to Mohamed Hakem. Check out his blog heremhakem.com)

1. The White Desert

1

Credit: Mohamed Hakem

While it may look like the moon, this photograph was taken at the White Desert near Bahareya Oasis. The white surfaced desert which resembles an alien planet has been used to film Sci-Fi movies, including Vin Diesel’s Riddick. The desert is renowned for its rock formations, safari trips, and over night camping.

2. Sultan Qalawun Mosque in Old Cairo

Sultan Qalawun Mosque in Old Cairo

Credit: Mohamed Hakem

8

Credit: Mohamed Hakem

While Old Cairo is filled…

View original 986 more words

“As long as I live they too will live inside me and battle, positively and fruitfully, giving me strength.” Dialectics (3)

"Maddening, beautiful, magical, horrible, painful, wonderful, joyous thing": Love

“Maddening, beautiful, magical, horrible, painful, wonderful, joyous thing”: Love. And its ‘fruits’? Click for credits and to enlarge

 

Furious Love’s Children

We have talked about two (human) trees dialectically intertwined in furious love.

Will English philosopher (and Sci-Fi writer) Olaf Stapledon from Seacombe possibly shed light on other species’ (or aliens’) love?

Or Hegel ? Or Darwin?
[tough, I know, though tougher than it seems: pls go on reader]

ψ

In the meanwhile we’ll continue with this ‘maddening love’ thing yet from the view-point of its ‘fruits’.

Children.

What happens to the fruits of struggling lovers?

No output here (am I right?) though maddening non the less

No output here (am I right?) though ‘maddening’ none the less. Click for credits

To Anju (Nomad) & to Reema,
Bengali Sisters

We all have (or have had) parents therefore all readers /writers are ‘children’, figli.

Now, my dear Indian bloggers being the first ones to baptize the Man of Roma I hence feel affection to all of them:

[Ashish the GeekWrestler, the first commentator ever of this blog; Poonam Sharma; Ishmeet; Nita J. Kulkarni; Devinder; Amith; Chandrahas; Falcon;  Destination Infinity; Anshul, Usha; Shefali.. the list is not complete damn. It will be]

ψ

Two Bengali sisters are though important here from a certain angle.

Mario: “Don’t get it. Bengali Indians and NOT all Indians?”
Manius:Sir Rabindranath Tagore is Bengali: a genius polymath shedding light, in his sublime way, on harmonious Love, among the rest. Giovanni btw knows only two Bengali bloggers.”

Exactly.

This post is in fact dedicated to Anju and Reema

[whose parents being 'harmonious' were though man and woman, ie different]

Let us start.

Nikos Kazantzakis’
Twin Currents of Blood

nikos kazantzakis

Nikos Kazantzakis, a modern Greek genius. Click for attribution and additional infos

How do children from ‘struggling’ loves react?

In his spiritual autobiography (Report to Greco) Greek Nikos Kazantzakis from Crete (Νίκος Καζαντζάκης, 1883 – 1957) mentions several times this crucial relationship that shaped his life (and work.)

Two quotes.

1. “The influence of this [….] hoax – Kazantzakis writes -, of this delusion (if it is a delusion) that twin currents of blood, Greek from my mother and Arab from my father, run in my veins, has been positive and fruitful, giving me strength, joy and wealth. My struggle to make a synthesis of these two antagonistic impulses has lent purpose and unity to my life.”

2.Both of my parents circulate in my blood, the one fierce, hard, and morose, the other tender, kind, and saintly.

I have carried them all my days; neither has died. As long as I live they too will live inside me and battle in their antithetical ways to govern my thoughts and actions.”

“My lifelong effort is to reconcile them so that one may give me their strength, the other their tenderness to make the discord between them, which breaks out incessantly within me, turn to harmony inside their son’s heart.”

 ψ

Reconcile them … eg the discord which breaks out incessantly turning to harmony. How can one not adore Kazantzakis (also for making dialectics clearer, I hope?)

রবীন্দ্রনাথ ঠাকুর

Tagore

Sir Rabindranath Tagore, Rabīndranātha Thākura, রবীন্দ্রনাথ ঠাকুর. Public domain. Click for source. Majestic and sweet

Now, look at this man, at this polymath.

Who is better than him as for harmony, struggle reconciliation – aka σύνθεσις?

[Another help for fathoming Hegelian dialectic, I do hope]

 

Piercing the Darkness of Time

Here come clips related to Tagore and the Bengali culture.

The above clip, found here, is bit westernized and mixes up Tagore‘s poems Unending Love and My Song.

A few more words on Tagore:

“Tagore (রবীন্দ্রনাথ ঠাকুর) was possibly the greatest writer in modern Indian literature, “Bengali poet, novelist, educator, who won the Nobel Prize for Literature in 1913. Tagore was awarded the knighthood in 1915, but he surrendered it in 1919 as a protest against the Massacre of Amritsar, where British troops killed some 400 Indian demonstrators protesting colonial laws.”

[quote credits]

ψ

 

Still have to write down a note with bibliography etc.

India's emblem

 

Previous installments:

Love Never Did Run Smooth. Dialectics (1)

WTM?!? …. Dialectics (2)

I Saturnali a Roma: frenesia, banchetti, schiavi e regali. Somiglianze con Natale e Capodanno (2)

Tempio di Saturno a Roma, alle pendici del Campidoglio. Click for attribution

English original

I Saturnali al tempo di Nerone

Roma, 17 dicembre, 62 dopo Cristo. Nerone è a capo dell’impero romano. Il filosofo Seneca scrive una lettera (n. 18) all’amico Lucilio:

December est mensis
(E’ il mese di dicembre)
cum maxime civitas sudat.
(quando la vita è più intensa che mai in città.)
Ius luxuriae publice datum est;
(Il diritto all’eccesso è stato ufficialmente proclamato;)
ingenti apparatu sonant omnia [...]
(ogni angolo risuona dei chiassosi preparativi  [...])

L’inizio della festa più amata a Roma e nel resto dell’impero, i Saturnalia, è stato ufficialmente proclamato. L’eccitazione cresce ovunque.

Il filosofo, tranquillamente seduto nel suo elegante tablinum, riflette su ciò che lui e il suo amico dovrebbero fare, se cioè partecipare o meno alla gioia dei banchetti.

Si te hic haberetur,
(Se ti avessi qui)
libenter tecum conferrem quid estimare esse faciendum [...]
(sarei felice di consultarti su ciò che sia opportuno fare [...])
utrum nihil ex cotidiana consuetudine movendum,
(se lasciare immutate le nostre quotidiane abitudini,)
an, ne dissidere videremur cum publicis moribus,
(o, per non sembrare fuori sintonia con i costumi della gente,)
et hilarius cenandum et exuendam togam
(se anche noi dobbiamo banchettare allegramente e toglierci la toga)

Banchetto in un affresco a Pompei

Modalità del rito

Il sacrificio ufficiale – che si celebra nel tempio di Saturno, sul lato occidentale del foro – è probabilmente terminato. Sarà seguito a breve da un banchetto nello stesso tempio durante il quale i partecipanti grideranno il saluto augurale: Io Saturnalia! (che ricorda i nostri brindisi di Capodanno) e dove la celebrazione presto si trasformerà in una festa accesa e caotica.

Una (vaga) idea della cerimonia può esserci fornita da un testo rituale scritto da un neo-pagano ricostruzionista, Apollonius Sophistes [vedi il sito Biblioteca Arcana].

L’obiettivo di Apollonius è quello di far rivivere il rito nella vita reale.

ψ

Mario: “Celebrare il rito oggi?? Ma è fuori di testa questa gente?”

Extropian: “Forse, anche se cercare di rivivere forme di paganesimo con un minimo di accuratezza storica è sempre meglio dei pastrocchi alla Wicca. Il che, in un caso o nell’altro, non fa per me”.

Dettaglio dalle ‘Rose di Eliogabalo’ del vittoriano Lawrence Alma Tadema (1836-1912). Click to zoom in and enter Tadema’s vision of Roman Antiquity

Banchetti nelle case e doni

L’euforia pervade la città. I banchetti nelle abitazioni private saranno sregolati, come succede ogni anno. Ci si appresta agli ultimi ritocchi a piatti elaborati, biscotti, doni, alla disposizione di candele (cerei) che simboleggiano la rinascita del sole; si preparano pupazzi di pasta (sigillaria) e si finisce di organizzare spettacoli, danze e musiche, tra cui una scelta di canti non di rado scurrili ed altri di tono più elevato, spirituale.

Brevi testi, proprio come i bigliettini dei nostri regali, accompagnano i doni. Il poeta Marziale, che ne ha composti diversi nei suoi epigrammi, ci dà informazioni sul tipo di regali scambiati:

“Tavolette per scrivere, dadi, aliossi [un gioco con ossicini ormai in disuso, ndr], salvadanai, pettini, stuzzicadenti, cappelli, coltelli da caccia, scuri, lampade di vario genere, biglie, profumi, pipe, maiali, salsicce, pappagalli, tavoli, tazze, cucchiai, capi di abbigliamento, statue, maschere, libri, animali domestici”.
[elenco tratto dalla Wiki inglese]

Licenza degli schiavi,
vesti e formulazione di desideri

Agli schiavi sarà permesso ogni tipo di licenza (o quasi). Un maestro della festa o ‘re del disordine’ impersonerà il gioviale Saturno con la barba che, scelto a sorte nelle case, orchestrerà il divertimento (personaggio simile al nostro Babbo Natale).

[Un Lord of Misrule è figura comune del Natale britannico nel medioevo, con ruolo quasi identico, così come il Pape des Sots o des Fous in Francia]

Scrive lo storico americano Gordon J. Laing (Survivals of Roman Religion):

Gli schiavi dei Saturnali romani erano “autorizzati a trattare i loro padroni come fossero loro pari. Spesso infatti padroni e schiavi si scambiavano i ruoli e questi ultimi venivano serviti dai primi [...] Un ‘re’ scelto a sorte ordinava a un ‘suddito’ di ballare, a un altro di cantare, a un altro ancora di portare sulle spalle una flautista e così via. Con tale gioco i romani ridicolizzavano la regalità”.

L’assiro Luciano di Samosata scrive nei suoi Saturnalia (un dialogo satirico del II secolo d.C. che si svolge tra Kronos-Saturno e il suo sacerdote)

“Durante la mia settimana [è Crono che parla, ndr] la serietà è bandita; ogni commercio e attività sono proibite. Il bere, il chiasso, i giochi e i dadi, la scelta dei re e la gioia degli schiavi che cantano nudi, il battito frenetico delle mani e i visi con la bocca tappata che vengono tuffati nell’acqua gelida: sono queste le funzioni a cui presiedo [...] questo il periodo di festa, quando è lecito ubriacarsi e gli schiavi hanno licenza di insultare i loro padroni”.

Come alla vigilia del moderno Capodanno, è il momento di esprimere i desideri per l’anno a venire. Dice Crono al suo sacerdote:

Crono: “Volgi il pensiero a ciò che mi vuoi chiedere [...] farò del mio meglio per non deluderti”.

Sacerdote:
“Nessuna originalità in proposito. Le solite cose, per favore: ricchezza, abbondanza d’oro, proprietà di terre, folle di servi, gaie e morbide vesti, argento, avorio, in realtà tutto ciò che è di un qualche valore. O migliore dei Croni, dammi un po’ di queste cose!”.

I Sansculottes della rivoluzione francese con i ‘berretti della libertà’, tipici degli ex schiavi o liberti. Essi erano copricapo comune nei Saturnali come simbolo d’uguaglianza

Come si vestiva la gente? In modi che suggerivano l’uguaglianza sociale. Seneca aveva infatti accennato al fatto di togliersi la toga, indumento solenne e d’alto ceto. Le gente ai banchetti indossava infatti la synthesis, un semplice vestito da cena, e il pileus, il berretto conico dei liberti, un cappello di feltro aderente simile al cappello frigio che non a caso in epoche successive diverrà l’icona della libertà nelle rivoluzioni francese e americana [il bonnet rouge dei sanculotti: vedi l’immagine sopra].

[per ulteriori informazioni (in inglese) sui Saturnalia: Lacus Curtius; un bell'articolo di Mary Beard e la ricca voce Saturnalia della Wikipedia inglese]

Intellettuali in conflitto

Di fronte a tanta frenesia lo stoico Seneca propende per la via intermedia (notate l’accenno alla folla ‘pilleata’, che indossa cioè i ‘pilei’):

Si te bene novi,
(Se ben ti conosco)
nec per omnia nos similes esse pilleatae turbae voluisses
(avresti desiderato che non fossimo né simili alla folla imberrettata)
nec per omnia dissimiles;
(né del tutto dissimili;)
licet enim sine luxuria agere festum diem
(è opportuno infatti partecipare alla festa senza eccessi.)

E’ comprensibile. L’intellettuale tende a comportarsi diversamente dall’uomo della strada, ed è spesso (ma non sempre) infastidito e un po’ blasé di fronte al trambusto della gente comune.

Durante le feste di dicembre che si svolgono a casa sua “Plinio il giovane – scrive Mary Beard nell’articolo citato – si rifugia altezzosamente nell’attico per continuare a lavorare (non vuole rovinare il divertimento dei servi – ma, forse ancor più, non vuole esporsi ai loro giochi ruvidi)”.

Catullo in visita da Lesbia. Laurence Alma Tadema (1836-1912)

Il poeta Catullo invece adora i Saturnali (“il periodo più bello”) così come il poeta Stazio, che alla fine del I secolo d.C. esclama:

“Quanti anni ancora durerà questa festa! Mai il tempo cancellerà un così santo giorno! Finché esisteranno le colline del Lazio e il padre Tevere, finché la tua Roma rimarrà in piedi, e il Campidoglio, che hai restituito al mondo, i Saturnalia vivranno”.

[Silvae, I.6.98 e sgg.]

ψ

E infatti i Saturnali per molti aspetti sopravviveranno, come abbiamo visto e forse ancora vedremo.

ψ

Prima parte sui Saturnalia:

Sopravvivenza dei Saturnalia dell’antica Roma nel Natale, Capodanno e Carnevale (1)

Sopravvivenza dei Saturnalia dell’antica Roma nel Natale, Capodanno e Carnevale (1)

English original

Cerchiamo di capire come i Saturnalia (la festa più popolare della Roma antica e la più diffusa in tutto l’impero romano) possano essere sopravvissuti fino a noi. Qui sotto vediamo una statua del dio Saturno, a cui la festa era dedicata.

Il dio Saturno. Museo nazionale del Bardo a Tunisi

Saturno e l’età dell’oro

Saturno, dio romano dell’agricoltura e divinità assai antica secondo le fonti, aveva (ed ha) il proprio tempio ai piedi del Campidoglio, nel Foro Romano. L’edificio ospitava una statua del dio con in mano una falce. La statua, di legno e successivamente d’avorio, aveva i piedi incatenati da fili e trecce di lana, che venivano slegati soltanto durante i Saturnali, cioè dal 17 dicembre in poi.

Il tempio venne ricostruito tre volte e le otto colonne che vediamo oggi nel foro (cfr. l’immagine qui sotto) sono ciò che rimane dell’ultimo rifacimento.

Non è un caso, credo, che il tempio ospitasse anche quanto di più prezioso vi fosse a Roma, cioè il tesoro della città o aerarium (monete, lingotti ecc.). Perché?

Perché nella mente dell’antico romano medio il dio Saturno – che, sconfitto da Giove suo figlio, trovò rifugio in Campidoglio – aveva portato nel Lazio la mitica Età dell’Oro (Aurea Aetas), un’era felice in cui gli uomini erano uguali, le leggi non necessarie, la primavera perenne e la terra spontaneamente prodiga di grano biondo e fiumi di latte e nettare che scorrevano meravigliosamente.

Il tempio di Saturno nella parte occidentale del Foro Romano. Solo il portico frontale con le sue 8 colonne è ciò che resta. Click for attribution and to zoom in.

Parole da un lontano passato

Ma ascoltiamo la descrizione dell’età dell’oro direttamente dalle parole suggestive di un antico romano, Ovidio (Metamorfosi, I, 89 e sgg.):

aurea prima est aetas
(prima viene l’età dell’oro)
sponte sua sine lege fidem rectumque colebat
(che alimentava spontaneamente, senza bisogno di leggi, verità e bontà)
nec supplex turba timebat iudicis ora suis, sed erant sine vindice tuti
(non vi era folla di supplici che temesse il volto del giudice: si viveva in sicurezza senza bisogno di protezione)
mollia peragebant otia gentes
(in molle pace la gente conduceva l’esistenza)
ver erat aeternum
(la primavera era eterna)
per se dabat omnia tellus … fruges inarata ferebat
(e la terra spontaneamente dava tutto … il frumento, non arato, cresceva)
flumina iam lactis, iam flumina nectaris ibant
(qui fiumi di latte scorrevano, lì torrenti di nettare)


Rievocazione di un’età senza legge

Ora è chiaro che i Saturnali erano una sorta di rievocazione di tale primordiale età senza legge in cui gli uomini vivevano in eguaglianza e abbondanza di tutto.

Durante i Saturnali i ricchi doni della terra erano celebrati con feste e banchetti in cui ai celebranti, riscaldati dal vino, era lecito trans-gredire (letteralmente, ‘andare oltre’, da trans + gradior) fino a stati superiori (o inferiori) della mente che potevano comportare esaltazione, spiritualità, atti esoterici, scherzi villani, giochi d’azzardo, promiscuità, scambi di doni, e in cui agli schiavi era concessa la più ampia licenza in ricordo di un’età in cui vigeva la parità tra gli uomini. Tali cerimonie collettive (come anche i riti di Dioniso noti a Roma come Baccanali) erano spesso indicate con il termine greco ὄργια o con quello romano di orgia.

[Da notare che i termini antichi solo vagamente si ricollegano al termine moderno 'orgia', fosse solo per il fatto che avevano significato religioso]

A differenza del culto di Saturno, quasi sconosciuto al di fuori del Lazio, i Saturnalia divennero la festa più diffusa in tutte le province dell’impero, amata da gente di ogni condizione sociale, finché essa non venne abolita dal Cristianesimo.

I cristiani in realtà non poterono eliminare del tutto i Saturnalia e così la festa fu assorbita nel Natale [vedi dopo]. Questa festa pagana sopravvisse in forme mascherate in Italia, Inghilterra, Germania, Francia, ecc.

Cerchiamo di capire meglio. Alcuni aspetti dei Saturnalia possono infatti apparire incomprensibili ai moderni.

Anche il Carnevale significava il rovesciamento dell'ordine e un passaggio dall'inverno alla primavera

Cicli e riti di passaggio

I Saturnalia appartenevano a quei riti tipici delle culture agricole più antiche di tutto il mondo.

Tali culture avevano una visione ciclica, cataclismatica – e non lineare – del tempo.

Scrive Chiara O. Tommasi Moreschini:

Siamo di fronte a “una nozione di ‘cosmo’ costituito da cicli, nati dal caos e al caos destinati a ritornare mediante una ‘catastrofe’ o ‘grande dissoluzione’, unitamente alla sete di rigenerazione e rinnovamento implicite nel compiersi dei rituali orgiastici, le cui forme aberranti rappresentano una degradazione di questa idea del ritmo dell’universo. Giacché ad un livello cosmologico l’orgia rappresenta il caos, ossia la scomparsa di limiti o barriere e la fusione in una unità, il desiderio di abolire il tempo è particolarmente evidente nelle orge che avvengono, in varie forme, durante le feste del nuovo anno, considerato il dramma stagionale per eccellenza. Insieme alle altre caratteristiche di eventi analoghi, il ritorno simbolico del caos primigenio indica l’abolizione del tempo profano in modo che si compia la dissoluzione del mondo ed il ripristino del momento mitico in cui inizio e fine coincidono. È questo il motivo per cui tali feste sono costantemente caratterizzate da un tentativo di abolire ordine e consuetudini, dando libero corso alla licenza, violando le regole e sospendendo le leggi, con possibili ribaltamenti delle condizioni sociali, e, in altre parole, convergenza degli opposti”.

L’universo, la storia si ripetevano dunque in un eterno ritorno ad epoche mitiche in modo che la fine di un ciclo (solare, annuale, lunare o stagionale) generava un nuovo inizio; così che la dissoluzione coincidesse con la rigenerazione, il caos, l’arbitrarietà e la trans-gressione si tramutassero in un nuovo ordine in cui la gente si sentiva rigenerata e disposta a tornare alla norma.

Il sole sorge all'orizzonte

Tali momenti di passaggio venivano celebrati in festività in cui la promiscuità era un modo per ottenere la fertilità.

“L’antichità classica – nota ancora Chiara O. Tommasi Moreschini – ricorda varie feste durante le quali ciò che di norma era proibito era invece tollerato: i Sacaea a Babilonia o nella regione del Ponto, che erano celebrati in estate in onore della dea Ishtar o Anaitis e che comprendevano, tra l’altro, un re travestito da servo; lo Zagmuk, o festa delle ‘sorti’, che si celebrava in Mesopotamia all’inizio dell’anno ed annoverava licenza in materia sessuale, oltre alla detronizzazione simbolica del re; i Kronia in Grecia [ad Atene e in Attica, MoR] ed i Saturnalia a Roma [il romano Saturno e il greco Kronos vennero identificati dai Romani, MoR]; ma altresì feste femminili come le Tesmoforie o la celebrazione romana della Bona Dea [di cui una descrizione, in questo blog, è nel post Sex and the city (de Roma) 2, MoR], che offrivano alle donne l’opportunità di indulgere a modo loro in certi eccessi”.

Tracce nella mente dei moderni

Ora è probabile che questo passato spirituale (assieme al perdurante effetto dei mutamenti naturali) abbia lasciato / lasci profonde tracce anche nelle menti contemporanee. Continuiamo ad avvertire questo fine-inizio di qualcosa durante il periodo di Natale / Capodanno; l’effetto ci colpisce nel profondo, e ci agita anche, come una specie di sisma che ci investe. E, allo stesso tempo, sentiamo la dolcezza della famiglia e le sensazioni religiose cristiane.

Il che ci porta alla nascita di Cristo.

I Saturnali, la nascita del Dio Sole e Cristo

Disco dedicato a Sol Invictus (Sole Invitto). Argento, opera romana del III sec. d.C. Da Pessinus, Asia Minore. British Museum. Click for attribution

Data la popolarità dei Saturnalia i fondatori del cristianesimo, desiderando conquistare i pagani alla nuova fede, assorbirono i Saturnalia nelle celebrazioni della nascita di Cristo.

I Saturnalia iniziavano il 17 dicembre e si concludevano il 25 dicembre, il giorno del solstizio d’inverno secondo il vecchio calendario giuliano istituito da Giulio Cesare (è il nostro 21 dicembre secondo l’attuale calendario gregoriano).

Ebbene, quando nacque Cristo? Nessuno lo sapeva esattamente, anche se alcuni passaggi biblici fanno pensare alla primavera.

Fu Papa Giulio I che nel 350 d.C. scelse il 25 dicembre (corrispondente al nostro 21 dicembre, dunque il solstizio d’inverno), il che si rivelò una saggia decisione non solo per la data della fine dei Saturnalia, ma anche perché in quello stesso giorno, il 25, si celebrava da secoli la nascita di Mitra / Sol Invictus, il dio solare (e infatti il solstizio d’inverno altro non era che la morte / rinascita del sole).

E, va detto, il dio del sole in tutte le sue forme era molto amato. Prima di essere gradualmente sostituito dal Dio cristiano, il Sol Invictus era il culto ufficiale del tardo impero romano.

Capitoline She-Wolf. Rome, Musei Capitolini. Public domain

Extropian: “Secondo Tom Harpur (The Pagan Christ) pochi cristiani si rendono conto oggi che ancora nel V secolo d.C. [quindi ben quattro secoli dopo la nascita di Cristo!] Papa Leone Magno dovette ordinare ai fedeli di smetterla di adorare il sole”.

Mario: “Ho letto qualcosa in un forum americano: questa “diceria che i Saturnalia spesso degeneravano in una grande festa con orge e alcol … è ironico che noi cristiani utilizziamo questa giornata per celebrare la nascita del nostro Salvatore venuto su questa terra proprio per salvarci da tali peccati “.

MoR: “Be’, come detto prima, avvertiamo tutti come uno strano conflitto durante queste feste: combattuti tra religiosità e divertimento, eccesso e buona volontà, sentimenti della famiglia e consumismo pagano”.

MoR: “Un conflitto, forse, generato da quel compromesso antico (dare forma cristiana a feste pagane), conflitto che probabilmente era assente ai tempi dei Saturnalia, quando trans-gressione (l’andar oltre, l’eccesso) e religione non erano sempre separate come lo sono oggi. Al contrario, esse a volte coincidevano. τὰ ὄργια (o orgiae) era caratteristica dei culti misterici, intrisi di altissima spiritualità ed etica. Una cosa impensabile oggi, dopo quasi due millenni di Cristianesimo”.

ψ

Nel prossimo articolo vedremo meglio come si svolgevano i Saturnalia.

Roman Saturnalia. Frenzy, Banquets, Slaves and Gifts (2)

Originally posted on Man of Roma:

Temple of Saturn in Rome. Click for attribution and to enlarge

Saturnalian Days in Nero’s Time

Rome, 62 AD, December. Emperor Nero is ruling. The philosopher Seneca is writing a letter (num 18) to his friend Lucilius:

December est mensis
(It is the month of December)
cum maxime civitas sudat.
(when the city is in great sweat and hectic.)
Ius luxuriae publice datum est;
(The right to looseness has been officially given;)
ingenti apparatu sonant omnia [...]
(everything resounds with mightily preparations  [...])

The festival most loved by the peoples of the empire, the Saturnalia, has officially started. Excitement is growing everywhere.

The philosopher calmly sitting in his elegant tablinum is reflecting on what he and his friend should do, whether participate or not in the joy of the banquets.

Si te hic haberetur,
(If I had you here with me)
libenter tecum conferrem [...]
(I should be glad…

View original 1,075 more words

Survivals of Roman Saturnalia in Christmas, New Year and Carnival? (1)

Originally posted on Man of Roma:

Dafna asked me to write about the Roman Saturnalia, a festival in honour of Saturn.

“Inspired by Richard’s musing about Christmas – she said – I just discovered the term: ‘Beginning in the week leading up to the winter solstice and continuing for a full month, Saturnalia was a hedonistic time ….’ Sounds like fun.”

So here we are Dafna, although my mind is blurred by all this saturnalian revels, starting in Italy on Dec. 24 and ending with the Epiphany, Gen. 6.

Quite a long time isn’t it.

Ma poi ecco l’Epifania
che tutte le feste si porta via.

Saturn & the Golden Age

Saturn, the Roman god of seed and sowing, very ancient according to sources, had his temple built at the foot of the Capitoline hill. It housed a wooden (later ivory) statue of the god filled with oil, holding a scythe and whose feet bound…

View original 1,297 more words

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 155 other followers