RSS Feed

Category Archives: Latin language

This Blog is on Vacation for One Month

Monte Rosa in the clouds

Monte Rosa in the Clouds. Its main peak is located in Switzerland although it is “the second-highest massif in Italy” [Wikipedia]. It is, too, one of the favourite vacation places of the Piedmontese. Source

Dear readers, in order to celebrate Feriae Augusti, or Ferragosto as we say in Italian (by contracting the ancient Latin phrase,) this blog will be sleeping for one month.

Mario: “Or will be in catatonia, one might say. Is that by any chance due to peaking temperatures and intolerable heat?”

MoR: “No, since the weather is cool along coastal Italy, even cold at times, with frequent storms and lightning bolts – not to mention internal Italy and the Alps (OMG) where I unfortunately, and very stupidly, chose to find refuge.”

Claudia: “So why CATATONIA eccheccavolo??”

Extropian. “Because in slumber, or death, there is more life than in their opposites.”

Φ

If you want to know more (within an orgy of crime, sex, Evil and Good fighting their neverending battle) read here.

Man of Roma

A conversation with Carla Shodde, from Australia, on Religions, Romanness & Interlingua (Modern Latin?) – Dialectics (4)

Posted on
Even the German Women were terrific fighters

Even the German Women were terrific fighters

Are the Germans ‘Always’ There?
(Why not man)

[See btw the clip at the head of the previous post]

ψ

Carla Shodde from Australia has some German DNA among the rest. A ‘budding Classicist’, as she phrased it, she is probably more than that.

We had a good dialogue at her place (see below. Here the original, not pruned, one.)

ψ

Another conversation had occurred here with Sledpress (another German, from US Virginia, this time,) which will be published as Dialectics 5, the last cherry on the pie in some way.

Why cherry on the pie?

Because Sled is a valuable writer (I have a notebook with many of her sentences since I am an aspiring non mother tongue writer in English,) she has been very much present in almost ALL discussions here and elsewhere, she being a valuable polymath (with high-level musical knowledge also,) capable of talking about everything (as our blogosphere small slice attests) … but most of all:

She has a VERY BAD temper ;-)

Which of course (any passion being powerful) is a big part of her charm and her being very good: as a writer, dialectic commentator, friend, musician (and real soul.)

Why We Love The Germans

At this point, after Easter Monday (when the exchange with The Virginian and other stuff will be already here), given the present crisis of the Euro zone, we think it’ll be high time to say aloud (from us, from many other Italians):

“Why we love the Germans and will continue to love them!”

In the meanwhile: Carla Shodde.

Impiety Among Philosophers

Found In Antiquity Carla Shodde

Carla thus presents her work and studies:

“To be ignorant of what occurred before you were born is to remain always a child.” – Cicero, Ad Brutum. Carla recently finished first-class Honours in Classics, writing a thesis on accusations of impiety among philosophers in Greece and Republican Rome. She loves ancient art, ancient history, theology and pretty much anything to do with the Romans.”

 

Uncial sample

Courtesy of Carla Shodde’s Web site soon in our blogroll. Click to enlarge and for source file

 

MoR:Great post. About to repost the other one, I might repost this one as well, though I’m not sure, I am overwhelmed by business, family (my strength,) and my mentor’s ‘an article a day in languages that are not your own’ rule.

You are a scholar, a beginning scholar, perhaps, but hats-off scholar nonetheless. Ciao

[PS: hai per caso qualche stilla di sangue italiano? Carla è un nome italiano]“

Carla Shodde: “Thanks so much for reblogging the other post! You can reblog whatever you like, when you want to. :) And thanks for the encouragement, I would love to cultivate scholarship in Classics.

And actually, I don’t have any Italian blood, but my parents named me after my German great-grandfather Carl. They thought I was going to be a boy but when I was born a girl, they named me Carla. Italian is a beautiful language though and I wish I knew more.”

MoR: “Sorry I’ll be the usual Italian chatter-box. My thoughts come in floods, am too tired to prune and I proceed from chaos to order – my cognitive style, aspiring towards dialectics.

This exchange in fact, should you say yes, I’d love to publish over at my blog as Dialectics 4.

I’ll prune my texts of course but not much, this being the MoR plus I’d love you to reply extensively (in case you can and want) – the exchange of ideas resulting hopefully more stimulating for readers.

This being fussily said o_O  …

 

Roman Bona Dea (Good Goddess)

Roman Bona Dea (Good Goddess)

I)

Carla: “I would love to cultivate scholarship in Classics”

The personal opinion of a dilettante is that ‘you can’ lol become what you want if you really want it. You have ‘la stoffa’ (what it takes.)

You are creative, have passion but most of all you have discipline. Talent without discipline is zero.

A scholar I have not become (just a quirky researcher) for lack of guidance since I was abandoned to grow by myself like a weed (and am still, in the good sense though I hope, 1. Christianity and religions plus 2. intellectual curiosity helping.)

A Master Shows

I found the latter (2) after an encounter at 24 – id est a Master and inspiring polymath to whom I owe a lot and whom I call Magister διδάσκαλος, here.

The former (1) came after some study of the Ancient Roman religions (I liked that post of yours where you criticize those who consider the Ancient Roman religion void of emotions, of mysticism, simply formulaic (a total moronity imo.)

Via some study of cults, gods, goddesses and the mysteries etc. I realised how Roman Christianity was, plus Christianity was one of the several mysteries too (you might not agree here.)

A powerful blend, the ancient Roman religion – no need to tell you – which together with Christianity can provide strength and consolation. I am more Christian than Pagan, incidentally; although we ALL here, and elsewhere – eg some areas of the Roman Empire’s ex provinces – are (one may like it or not) a bit pagan.)

Let me add it is so refreshing to see a young woman – the age of my two daughters – so very ‘well’ doing what she does, and a real polyglot too (mandarin, wow, and German; Latin and Greek being of course necessary.)

 

Interlingua at Austin, Texas

Jardin de Ninos Interlingua Spanish Immersion, Austin, TX. Click for credits and source

II)

Carla: “Actually, I don’t have any Italian blood, but my parents named me after my German great-grandfather Carl. They thought I was going to be a boy”

Italian is bastard Latin so I don’t think you’ll have difficulties though my advice, you being a polyglot, is considering Interlingua instead.

Interlingua (official web site) is not artificial like Esperanto. It is ‘biological’; and, most importantly, it was conceived by solid scholars as a modern form of Latin.

For which purpose? [one might ask] English is already the lingua franca of a vast portion of the world.

A Fascinating vacation.
No ‘Direct’ contact with natives?

Ok, but take a woman from New York for example (all English speaking people we Italians btw call ‘Anglo-Saxons’, even those not wearing furs anymore – the others having passed away many centuries ago (stole this from an English guy living in Milan).

Rio de Janeiro

Rio de Janeiro. Click for credits and source file

Now it turns this woman and her husband are planning a long trip to, say, Brasil, Spain, Italy and have desire to get to know the natives in a non-mediated-via-English way, ie, a more direct, ‘cultural’, way.

[As a side note, English is not much spoken the more ancient the country is (apart from India, naturally) : Romans for ex. have this couldn’t-care-less attitude thinking they are so darn universal – and they are, accepting everybody with open heart but at the same time being scared by other cultures plus also feeling superior but behaving like provincials who think they are gas nobles, or gods.]

In any case the said couple has only one solution: even if the trip will occur in 3 years (yes, they plan years in advance, the Americans lol) they nonetheless must frantically TOIL eg learn Portuguese on the first year, Spanish on the second year, and Italian on the third.

It can be done, but it’s a hard path especially until the half of it, then Latin underlying the 3 languages will make things easier.

[Getting Big Deal Man, I know ^^'  ]

Interlingua: Many Languages
at the Same Time

There is another exciting solution: learning Interlingua. It’ll take 2-3-4 months in the worst cases (or just a few weeks,) after which the couple will be able to understand and talk directly (via Interlingua) to Brasilians, Spanish and Italians, who will 70%  understand them even if they never heard of Interlingua before.

 ψ

Carla Shodde: “That’s really interesting – I’ve never heard of a language called Interlingua before, but it is nice that it uses Latin-based words to connect various Romance languages together.

I’ve been fantasising about learning early Germanic languages like Anglo-Saxon, so that I could possibly connect English and German together at their Germanic roots. A friend of mine is learning Gothic and is really enjoying the language. I’d love to read an Anglo-Saxon gospel book some day.

MoR: “By studying several cults & gods goddesses and the mysteries etc. I realised how ‘Roman’ Christianity was”

I am Christian, and I find the study of pagan theology fascinating. I believe in one God, as did the fathers of the Church, and I do not worship other gods, as it would be a deep betrayal of the sanctity of God.

While I am not a pagan, I still find pagan Roman theology interesting, both as a counterpoint for early Christian apologetics and as a subject in its own right.

“Christianity was not
a mystery religion”

Regarding Mystery Cults: I follow the most recent and well researched wave of scholarship, which concludes that Christianity was not a “mystery religion” in the same vein as, say, the Mithras cult.

“The evidence we have been examining suggests that there was little contact between Christianity and mystery cults at any time. This contrasts with a long-established scholarly tradition that tried to find considerable influence of mystery cult on Christianity. Often the debate was as much to do with contemporary concerns as with the distant past. So, for example, it suited Protestant polemicists to argue that the ‘primitive Christianity’ of the early church was corrupted by the incorporation of rites and doctrines drawn from non-Christian mystery cults… And it suited critics of Christianity as a whole to claim that many elements of Christianity, including the sacramental rituals of baptism and holy communion, were taken over directly from Mithraism.” – Hugh Bowden, Mystery Cults of the Ancient World, Princeton University Press (2010) p.207

“Pagan Theology: Overlooked”

I like studying pagan theology. I think it has been so often overlooked in modern studies of Roman paganism. Instead of viewing religion as a religion (i.e. a proposed way for reasonable humans to interact with a divine being or beings) people want to see religion only as a coded way of expressing sexism, elitism or some other secular or political goal that reflects narrow-minded modern concerns. I find it very surprising that some prominent scholars who study Roman religion have openly said they are contemptuous of all religion. Little wonder that it so commonly said that Roman religion was invented for the sake of empty traditionalism alone, or that it was a tool to manipulate the unthinking masses. I think Roman religion, at least in philosophical texts and grave inscriptions, meant much more to the people than just empty rituals.”

Answer to a complex question:
Found in the Holy Week?

MoR: “Well, gosh, wow. This will keep my brain juices working for a while I’ll admit. Not for long though. And I always (90%) come back. I spot some German determination. Schodde —> Schotte? Good. I’m a Bach wrestler since I was 19 :?

MoR: “Dear Carla, I like dialectics, as you & others know too well, id est Diskurs als argumentativer Dialog so my lateinisch discursus feedback, LOL, will be:

The answer to your very-German reply is to be found, in my view, in the Holy Week (Ἁγία καὶ Μεγάλη Ἑβδομάς) where Christians celebrate the events related to the last days of Jesus – passion, death and resurrection, among the rest.

Last Sunday I was feeling tense, tired. Therefore for some weird reason I randomly chose a Church (every 5 meters we have one in Rome) and had the luck to find a real shepherd speaking from ‘a heart’ and from a sound-theological-knowledge (as far as I can tell) brain, as well.

I’ll say I was moved to tears twice but since I never believed in signs, in the past, it is unlikely I will believe in them, in the future.

Jesus carrying the cross. Click for credits

Jesus carrying the cross. Click for credits

Regards from Rome.

Giovanni

I Saturnali a Roma: frenesia, banchetti, schiavi e regali. Somiglianze con Natale e Capodanno (2)

Tempio di Saturno a Roma, alle pendici del Campidoglio. Click for attribution

English original

I Saturnali al tempo di Nerone

Roma, 17 dicembre, 62 dopo Cristo. Nerone è a capo dell’impero romano. Il filosofo Seneca scrive una lettera (n. 18) all’amico Lucilio:

December est mensis
(E’ il mese di dicembre)
cum maxime civitas sudat.
(quando la vita è più intensa che mai in città.)
Ius luxuriae publice datum est;
(Il diritto all’eccesso è stato ufficialmente proclamato;)
ingenti apparatu sonant omnia [...]
(ogni angolo risuona dei chiassosi preparativi  [...])

L’inizio della festa più amata a Roma e nel resto dell’impero, i Saturnalia, è stato ufficialmente proclamato. L’eccitazione cresce ovunque.

Il filosofo, tranquillamente seduto nel suo elegante tablinum, riflette su ciò che lui e il suo amico dovrebbero fare, se cioè partecipare o meno alla gioia dei banchetti.

Si te hic haberetur,
(Se ti avessi qui)
libenter tecum conferrem quid estimare esse faciendum [...]
(sarei felice di consultarti su ciò che sia opportuno fare [...])
utrum nihil ex cotidiana consuetudine movendum,
(se lasciare immutate le nostre quotidiane abitudini,)
an, ne dissidere videremur cum publicis moribus,
(o, per non sembrare fuori sintonia con i costumi della gente,)
et hilarius cenandum et exuendam togam
(se anche noi dobbiamo banchettare allegramente e toglierci la toga)

Banchetto in un affresco a Pompei

Modalità del rito

Il sacrificio ufficiale – che si celebra nel tempio di Saturno, sul lato occidentale del foro – è probabilmente terminato. Sarà seguito a breve da un banchetto nello stesso tempio durante il quale i partecipanti grideranno il saluto augurale: Io Saturnalia! (che ricorda i nostri brindisi di Capodanno) e dove la celebrazione presto si trasformerà in una festa accesa e caotica.

Una (vaga) idea della cerimonia può esserci fornita da un testo rituale scritto da un neo-pagano ricostruzionista, Apollonius Sophistes [vedi il sito Biblioteca Arcana].

L’obiettivo di Apollonius è quello di far rivivere il rito nella vita reale.

ψ

Mario: “Celebrare il rito oggi?? Ma è fuori di testa questa gente?”

Extropian: “Forse, anche se cercare di rivivere forme di paganesimo con un minimo di accuratezza storica è sempre meglio dei pastrocchi alla Wicca. Il che, in un caso o nell’altro, non fa per me”.

Dettaglio dalle ‘Rose di Eliogabalo’ del vittoriano Lawrence Alma Tadema (1836-1912). Click to zoom in and enter Tadema’s vision of Roman Antiquity

Banchetti nelle case e doni

L’euforia pervade la città. I banchetti nelle abitazioni private saranno sregolati, come succede ogni anno. Ci si appresta agli ultimi ritocchi a piatti elaborati, biscotti, doni, alla disposizione di candele (cerei) che simboleggiano la rinascita del sole; si preparano pupazzi di pasta (sigillaria) e si finisce di organizzare spettacoli, danze e musiche, tra cui una scelta di canti non di rado scurrili ed altri di tono più elevato, spirituale.

Brevi testi, proprio come i bigliettini dei nostri regali, accompagnano i doni. Il poeta Marziale, che ne ha composti diversi nei suoi epigrammi, ci dà informazioni sul tipo di regali scambiati:

“Tavolette per scrivere, dadi, aliossi [un gioco con ossicini ormai in disuso, ndr], salvadanai, pettini, stuzzicadenti, cappelli, coltelli da caccia, scuri, lampade di vario genere, biglie, profumi, pipe, maiali, salsicce, pappagalli, tavoli, tazze, cucchiai, capi di abbigliamento, statue, maschere, libri, animali domestici”.
[elenco tratto dalla Wiki inglese]

Licenza degli schiavi,
vesti e formulazione di desideri

Agli schiavi sarà permesso ogni tipo di licenza (o quasi). Un maestro della festa o ‘re del disordine’ impersonerà il gioviale Saturno con la barba che, scelto a sorte nelle case, orchestrerà il divertimento (personaggio simile al nostro Babbo Natale).

[Un Lord of Misrule è figura comune del Natale britannico nel medioevo, con ruolo quasi identico, così come il Pape des Sots o des Fous in Francia]

Scrive lo storico americano Gordon J. Laing (Survivals of Roman Religion):

Gli schiavi dei Saturnali romani erano “autorizzati a trattare i loro padroni come fossero loro pari. Spesso infatti padroni e schiavi si scambiavano i ruoli e questi ultimi venivano serviti dai primi [...] Un ‘re’ scelto a sorte ordinava a un ‘suddito’ di ballare, a un altro di cantare, a un altro ancora di portare sulle spalle una flautista e così via. Con tale gioco i romani ridicolizzavano la regalità”.

L’assiro Luciano di Samosata scrive nei suoi Saturnalia (un dialogo satirico del II secolo d.C. che si svolge tra Kronos-Saturno e il suo sacerdote)

“Durante la mia settimana [è Crono che parla, ndr] la serietà è bandita; ogni commercio e attività sono proibite. Il bere, il chiasso, i giochi e i dadi, la scelta dei re e la gioia degli schiavi che cantano nudi, il battito frenetico delle mani e i visi con la bocca tappata che vengono tuffati nell’acqua gelida: sono queste le funzioni a cui presiedo [...] questo il periodo di festa, quando è lecito ubriacarsi e gli schiavi hanno licenza di insultare i loro padroni”.

Come alla vigilia del moderno Capodanno, è il momento di esprimere i desideri per l’anno a venire. Dice Crono al suo sacerdote:

Crono: “Volgi il pensiero a ciò che mi vuoi chiedere [...] farò del mio meglio per non deluderti”.

Sacerdote:
“Nessuna originalità in proposito. Le solite cose, per favore: ricchezza, abbondanza d’oro, proprietà di terre, folle di servi, gaie e morbide vesti, argento, avorio, in realtà tutto ciò che è di un qualche valore. O migliore dei Croni, dammi un po’ di queste cose!”.

I Sansculottes della rivoluzione francese con i ‘berretti della libertà’, tipici degli ex schiavi o liberti. Essi erano copricapo comune nei Saturnali come simbolo d’uguaglianza

Come si vestiva la gente? In modi che suggerivano l’uguaglianza sociale. Seneca aveva infatti accennato al fatto di togliersi la toga, indumento solenne e d’alto ceto. Le gente ai banchetti indossava infatti la synthesis, un semplice vestito da cena, e il pileus, il berretto conico dei liberti, un cappello di feltro aderente simile al cappello frigio che non a caso in epoche successive diverrà l’icona della libertà nelle rivoluzioni francese e americana [il bonnet rouge dei sanculotti: vedi l’immagine sopra].

[per ulteriori informazioni (in inglese) sui Saturnalia: Lacus Curtius; un bell'articolo di Mary Beard e la ricca voce Saturnalia della Wikipedia inglese]

Intellettuali in conflitto

Di fronte a tanta frenesia lo stoico Seneca propende per la via intermedia (notate l’accenno alla folla ‘pilleata’, che indossa cioè i ‘pilei’):

Si te bene novi,
(Se ben ti conosco)
nec per omnia nos similes esse pilleatae turbae voluisses
(avresti desiderato che non fossimo né simili alla folla imberrettata)
nec per omnia dissimiles;
(né del tutto dissimili;)
licet enim sine luxuria agere festum diem
(è opportuno infatti partecipare alla festa senza eccessi.)

E’ comprensibile. L’intellettuale tende a comportarsi diversamente dall’uomo della strada, ed è spesso (ma non sempre) infastidito e un po’ blasé di fronte al trambusto della gente comune.

Durante le feste di dicembre che si svolgono a casa sua “Plinio il giovane – scrive Mary Beard nell’articolo citato – si rifugia altezzosamente nell’attico per continuare a lavorare (non vuole rovinare il divertimento dei servi – ma, forse ancor più, non vuole esporsi ai loro giochi ruvidi)”.

Catullo in visita da Lesbia. Laurence Alma Tadema (1836-1912)

Il poeta Catullo invece adora i Saturnali (“il periodo più bello”) così come il poeta Stazio, che alla fine del I secolo d.C. esclama:

“Quanti anni ancora durerà questa festa! Mai il tempo cancellerà un così santo giorno! Finché esisteranno le colline del Lazio e il padre Tevere, finché la tua Roma rimarrà in piedi, e il Campidoglio, che hai restituito al mondo, i Saturnalia vivranno”.

[Silvae, I.6.98 e sgg.]

ψ

E infatti i Saturnali per molti aspetti sopravviveranno, come abbiamo visto e forse ancora vedremo.

ψ

Prima parte sui Saturnalia:

Sopravvivenza dei Saturnalia dell’antica Roma nel Natale, Capodanno e Carnevale (1)

Sopravvivenza dei Saturnalia dell’antica Roma nel Natale, Capodanno e Carnevale (1)

English original

Cerchiamo di capire come i Saturnalia (la festa più popolare della Roma antica e la più diffusa in tutto l’impero romano) possano essere sopravvissuti fino a noi. Qui sotto vediamo una statua del dio Saturno, a cui la festa era dedicata.

Il dio Saturno. Museo nazionale del Bardo a Tunisi

Saturno e l’età dell’oro

Saturno, dio romano dell’agricoltura e divinità assai antica secondo le fonti, aveva (ed ha) il proprio tempio ai piedi del Campidoglio, nel Foro Romano. L’edificio ospitava una statua del dio con in mano una falce. La statua, di legno e successivamente d’avorio, aveva i piedi incatenati da fili e trecce di lana, che venivano slegati soltanto durante i Saturnali, cioè dal 17 dicembre in poi.

Il tempio venne ricostruito tre volte e le otto colonne che vediamo oggi nel foro (cfr. l’immagine qui sotto) sono ciò che rimane dell’ultimo rifacimento.

Non è un caso, credo, che il tempio ospitasse anche quanto di più prezioso vi fosse a Roma, cioè il tesoro della città o aerarium (monete, lingotti ecc.). Perché?

Perché nella mente dell’antico romano medio il dio Saturno – che, sconfitto da Giove suo figlio, trovò rifugio in Campidoglio – aveva portato nel Lazio la mitica Età dell’Oro (Aurea Aetas), un’era felice in cui gli uomini erano uguali, le leggi non necessarie, la primavera perenne e la terra spontaneamente prodiga di grano biondo e fiumi di latte e nettare che scorrevano meravigliosamente.

Il tempio di Saturno nella parte occidentale del Foro Romano. Solo il portico frontale con le sue 8 colonne è ciò che resta. Click for attribution and to zoom in.

Parole da un lontano passato

Ma ascoltiamo la descrizione dell’età dell’oro direttamente dalle parole suggestive di un antico romano, Ovidio (Metamorfosi, I, 89 e sgg.):

aurea prima est aetas
(prima viene l’età dell’oro)
sponte sua sine lege fidem rectumque colebat
(che alimentava spontaneamente, senza bisogno di leggi, verità e bontà)
nec supplex turba timebat iudicis ora suis, sed erant sine vindice tuti
(non vi era folla di supplici che temesse il volto del giudice: si viveva in sicurezza senza bisogno di protezione)
mollia peragebant otia gentes
(in molle pace la gente conduceva l’esistenza)
ver erat aeternum
(la primavera era eterna)
per se dabat omnia tellus … fruges inarata ferebat
(e la terra spontaneamente dava tutto … il frumento, non arato, cresceva)
flumina iam lactis, iam flumina nectaris ibant
(qui fiumi di latte scorrevano, lì torrenti di nettare)


Rievocazione di un’età senza legge

Ora è chiaro che i Saturnali erano una sorta di rievocazione di tale primordiale età senza legge in cui gli uomini vivevano in eguaglianza e abbondanza di tutto.

Durante i Saturnali i ricchi doni della terra erano celebrati con feste e banchetti in cui ai celebranti, riscaldati dal vino, era lecito trans-gredire (letteralmente, ‘andare oltre’, da trans + gradior) fino a stati superiori (o inferiori) della mente che potevano comportare esaltazione, spiritualità, atti esoterici, scherzi villani, giochi d’azzardo, promiscuità, scambi di doni, e in cui agli schiavi era concessa la più ampia licenza in ricordo di un’età in cui vigeva la parità tra gli uomini. Tali cerimonie collettive (come anche i riti di Dioniso noti a Roma come Baccanali) erano spesso indicate con il termine greco ὄργια o con quello romano di orgia.

[Da notare che i termini antichi solo vagamente si ricollegano al termine moderno 'orgia', fosse solo per il fatto che avevano significato religioso]

A differenza del culto di Saturno, quasi sconosciuto al di fuori del Lazio, i Saturnalia divennero la festa più diffusa in tutte le province dell’impero, amata da gente di ogni condizione sociale, finché essa non venne abolita dal Cristianesimo.

I cristiani in realtà non poterono eliminare del tutto i Saturnalia e così la festa fu assorbita nel Natale [vedi dopo]. Questa festa pagana sopravvisse in forme mascherate in Italia, Inghilterra, Germania, Francia, ecc.

Cerchiamo di capire meglio. Alcuni aspetti dei Saturnalia possono infatti apparire incomprensibili ai moderni.

Anche il Carnevale significava il rovesciamento dell'ordine e un passaggio dall'inverno alla primavera

Cicli e riti di passaggio

I Saturnalia appartenevano a quei riti tipici delle culture agricole più antiche di tutto il mondo.

Tali culture avevano una visione ciclica, cataclismatica – e non lineare – del tempo.

Scrive Chiara O. Tommasi Moreschini:

Siamo di fronte a “una nozione di ‘cosmo’ costituito da cicli, nati dal caos e al caos destinati a ritornare mediante una ‘catastrofe’ o ‘grande dissoluzione’, unitamente alla sete di rigenerazione e rinnovamento implicite nel compiersi dei rituali orgiastici, le cui forme aberranti rappresentano una degradazione di questa idea del ritmo dell’universo. Giacché ad un livello cosmologico l’orgia rappresenta il caos, ossia la scomparsa di limiti o barriere e la fusione in una unità, il desiderio di abolire il tempo è particolarmente evidente nelle orge che avvengono, in varie forme, durante le feste del nuovo anno, considerato il dramma stagionale per eccellenza. Insieme alle altre caratteristiche di eventi analoghi, il ritorno simbolico del caos primigenio indica l’abolizione del tempo profano in modo che si compia la dissoluzione del mondo ed il ripristino del momento mitico in cui inizio e fine coincidono. È questo il motivo per cui tali feste sono costantemente caratterizzate da un tentativo di abolire ordine e consuetudini, dando libero corso alla licenza, violando le regole e sospendendo le leggi, con possibili ribaltamenti delle condizioni sociali, e, in altre parole, convergenza degli opposti”.

L’universo, la storia si ripetevano dunque in un eterno ritorno ad epoche mitiche in modo che la fine di un ciclo (solare, annuale, lunare o stagionale) generava un nuovo inizio; così che la dissoluzione coincidesse con la rigenerazione, il caos, l’arbitrarietà e la trans-gressione si tramutassero in un nuovo ordine in cui la gente si sentiva rigenerata e disposta a tornare alla norma.

Il sole sorge all'orizzonte

Tali momenti di passaggio venivano celebrati in festività in cui la promiscuità era un modo per ottenere la fertilità.

“L’antichità classica – nota ancora Chiara O. Tommasi Moreschini – ricorda varie feste durante le quali ciò che di norma era proibito era invece tollerato: i Sacaea a Babilonia o nella regione del Ponto, che erano celebrati in estate in onore della dea Ishtar o Anaitis e che comprendevano, tra l’altro, un re travestito da servo; lo Zagmuk, o festa delle ‘sorti’, che si celebrava in Mesopotamia all’inizio dell’anno ed annoverava licenza in materia sessuale, oltre alla detronizzazione simbolica del re; i Kronia in Grecia [ad Atene e in Attica, MoR] ed i Saturnalia a Roma [il romano Saturno e il greco Kronos vennero identificati dai Romani, MoR]; ma altresì feste femminili come le Tesmoforie o la celebrazione romana della Bona Dea [di cui una descrizione, in questo blog, è nel post Sex and the city (de Roma) 2, MoR], che offrivano alle donne l’opportunità di indulgere a modo loro in certi eccessi”.

Tracce nella mente dei moderni

Ora è probabile che questo passato spirituale (assieme al perdurante effetto dei mutamenti naturali) abbia lasciato / lasci profonde tracce anche nelle menti contemporanee. Continuiamo ad avvertire questo fine-inizio di qualcosa durante il periodo di Natale / Capodanno; l’effetto ci colpisce nel profondo, e ci agita anche, come una specie di sisma che ci investe. E, allo stesso tempo, sentiamo la dolcezza della famiglia e le sensazioni religiose cristiane.

Il che ci porta alla nascita di Cristo.

I Saturnali, la nascita del Dio Sole e Cristo

Disco dedicato a Sol Invictus (Sole Invitto). Argento, opera romana del III sec. d.C. Da Pessinus, Asia Minore. British Museum. Click for attribution

Data la popolarità dei Saturnalia i fondatori del cristianesimo, desiderando conquistare i pagani alla nuova fede, assorbirono i Saturnalia nelle celebrazioni della nascita di Cristo.

I Saturnalia iniziavano il 17 dicembre e si concludevano il 25 dicembre, il giorno del solstizio d’inverno secondo il vecchio calendario giuliano istituito da Giulio Cesare (è il nostro 21 dicembre secondo l’attuale calendario gregoriano).

Ebbene, quando nacque Cristo? Nessuno lo sapeva esattamente, anche se alcuni passaggi biblici fanno pensare alla primavera.

Fu Papa Giulio I che nel 350 d.C. scelse il 25 dicembre (corrispondente al nostro 21 dicembre, dunque il solstizio d’inverno), il che si rivelò una saggia decisione non solo per la data della fine dei Saturnalia, ma anche perché in quello stesso giorno, il 25, si celebrava da secoli la nascita di Mitra / Sol Invictus, il dio solare (e infatti il solstizio d’inverno altro non era che la morte / rinascita del sole).

E, va detto, il dio del sole in tutte le sue forme era molto amato. Prima di essere gradualmente sostituito dal Dio cristiano, il Sol Invictus era il culto ufficiale del tardo impero romano.

Capitoline She-Wolf. Rome, Musei Capitolini. Public domain

Extropian: “Secondo Tom Harpur (The Pagan Christ) pochi cristiani si rendono conto oggi che ancora nel V secolo d.C. [quindi ben quattro secoli dopo la nascita di Cristo!] Papa Leone Magno dovette ordinare ai fedeli di smetterla di adorare il sole”.

Mario: “Ho letto qualcosa in un forum americano: questa “diceria che i Saturnalia spesso degeneravano in una grande festa con orge e alcol … è ironico che noi cristiani utilizziamo questa giornata per celebrare la nascita del nostro Salvatore venuto su questa terra proprio per salvarci da tali peccati “.

MoR: “Be’, come detto prima, avvertiamo tutti come uno strano conflitto durante queste feste: combattuti tra religiosità e divertimento, eccesso e buona volontà, sentimenti della famiglia e consumismo pagano”.

MoR: “Un conflitto, forse, generato da quel compromesso antico (dare forma cristiana a feste pagane), conflitto che probabilmente era assente ai tempi dei Saturnalia, quando trans-gressione (l’andar oltre, l’eccesso) e religione non erano sempre separate come lo sono oggi. Al contrario, esse a volte coincidevano. τὰ ὄργια (o orgiae) era caratteristica dei culti misterici, intrisi di altissima spiritualità ed etica. Una cosa impensabile oggi, dopo quasi due millenni di Cristianesimo”.

ψ

Nel prossimo articolo vedremo meglio come si svolgevano i Saturnalia.

Roman Saturnalia. Frenzy, Banquets, Slaves and Gifts (2)

Originally posted on Man of Roma:

Temple of Saturn in Rome. Click for attribution and to enlarge

Saturnalian Days in Nero’s Time

Rome, 62 AD, December. Emperor Nero is ruling. The philosopher Seneca is writing a letter (num 18) to his friend Lucilius:

December est mensis
(It is the month of December)
cum maxime civitas sudat.
(when the city is in great sweat and hectic.)
Ius luxuriae publice datum est;
(The right to looseness has been officially given;)
ingenti apparatu sonant omnia [...]
(everything resounds with mightily preparations  [...])

The festival most loved by the peoples of the empire, the Saturnalia, has officially started. Excitement is growing everywhere.

The philosopher calmly sitting in his elegant tablinum is reflecting on what he and his friend should do, whether participate or not in the joy of the banquets.

Si te hic haberetur,
(If I had you here with me)
libenter tecum conferrem [...]
(I should be glad…

View original 1,075 more words

Survivals of Roman Saturnalia in Christmas, New Year and Carnival? (1)

Originally posted on Man of Roma:

Dafna asked me to write about the Roman Saturnalia, a festival in honour of Saturn.

“Inspired by Richard’s musing about Christmas – she said – I just discovered the term: ‘Beginning in the week leading up to the winter solstice and continuing for a full month, Saturnalia was a hedonistic time ….’ Sounds like fun.”

So here we are Dafna, although my mind is blurred by all this saturnalian revels, starting in Italy on Dec. 24 and ending with the Epiphany, Gen. 6.

Quite a long time isn’t it.

Ma poi ecco l’Epifania
che tutte le feste si porta via.

Saturn & the Golden Age

Saturn, the Roman god of seed and sowing, very ancient according to sources, had his temple built at the foot of the Capitoline hill. It housed a wooden (later ivory) statue of the god filled with oil, holding a scythe and whose feet bound…

View original 1,297 more words

Sopravvivenze della dea romana Fortuna

Resti del tempio della Fortuna Primigenia a Palestrina (l’antica Preaneste)

English original

Abbiamo parlato di sopravvivenze della religione romana. Della dea romana Fortuna sopravvivono oggi vari elementi, tra cui i più significativi ci sembrano:

1) la ricorrente personificazione della fortuna nel linguaggio comune;
2) alcuni aspetti della funzione oracolare della dea, legati alla predizione del futuro;
3) uno degli emblemi della Fortuna, la ruota, che se originariamente forse indicava il disco solare venne poi man mano a significare la mutabilità della vita umana.

ψ

1) Personificazione. Quando pronunciamo frasi come “invocarono la fortuna” o “gli scherzi della fortuna” siamo di fronte alla personificazione di qualcosa di capriccioso che è radicato nella nostra mente e che si può far risalire all’antica divinità romana Fortuna.

2) Predizione del futuro. Non lontano da Roma, ad Anzio e a Praeneste (l’odierna Palestrina), si trovavano due famosi santuari della dea Fortuna. I romani vi si recavano per conoscere il futuro, tra le altre cose. L’oracolo a Praeneste era connesso all’impressionante santuario (vedi l’immagine sopra e il link qui a sinistra) della Fortuna Primigenia (la Fortuna del primogenito) dove un giovinetto estraeva per i visitatori le sortes (delle barre di legno di quercia) che recavano inciso il futuro.

Allo stesso modo oggi ci rechiamo da chi ci predice la ‘fortuna’ ovvero il futuro. Se le due parole – fortuna e futuro (“vuoi conoscere la tua fortuna?”) – sono sinonimi in tale contesto, ciò lo si deve all’antico ruolo oracolare della divinità romana Fortuna.

Ruota della fortuna

3) La ruota della Fortuna. Credo che pochissimi spettatori della Ruota della Fortuna, una delle trasmissioni televisive più famose in tutto il mondo, si rendano conto di trovarsi di fronte a un fossile culturale dell’antica Roma (sopra l’immagine della Ruota della Fortuna di Singapore).

La dea Fortuna era infatti spesso rappresentata vicino ad una ruota e in piedi su una sfera (che altro non è che la ruota a tre dimensioni oltre che metafora del mondo). Ciò stava ad indicare come il nostro futuro sia incerto, proprio come i giri casuali di una ruota o sfera.

La dea poteva anche tenere una cornucopia, che simboleggia l’abbondanza, e un timone, che indicava come essa regolasse il destino dell’uomo.

Illustrazione dall’Assedio di Troia di John Lydgate (1370 – 1450) con la ruota della fortuna fatta girare dalla ‘Regina’ Fortuna (dal sito TheDEN)

Ma solo la ruota è sopravvissuta nell’immaginario moderno e ciò probabilmente è dovuto, tra le altre cose, all’influenza di un testo, La consolazione della filosofia di Boezio (nel II libro dell’opera si parla della Fortuna), un filosofo discendente da una famiglia romana da cui erano venuti imperatori e consoli.

Cicerone aveva già parlato della ruota ma è stato il testo di Boezio a rendere la dea Fortuna e la sua ruota popolarissime in tutto il medioevo. Ecco un brano sulla Fortuna e la sua ruota tratto dal libro II:

“So quanto la fortuna sia sempre amichevole e allettante con chi cerca di ingannare, finché non lo travolge con un dolore al di là di ogni sopportazione, abbandonando chi meno se l’aspetta … lei gira la ruota della sorte con mano altezzosa … è questo il suo sport, in tal modo dà prova di ciò di cui è capace, quando nella stessa ora solleva un uomo alla felicità, e poi l’abbatte nella disperazione: è così che mostra tutta la sua potenza”.

ψ

Concluderemo accennando ad alcune poesie medievali (228) rinvenute nel 1803 nel monastero bavarese di Benediktbeuern. Composte intorno al 1230 in gran parte in latino e conosciute oggi con il nome di  Carmina Burana, esse satireggiano la Chiesa e i tempi e furono scritte da studenti universitari in un momento in cui il latino era la lingua franca d’Europa. Alcune poesie sono dedicate alla Fortuna e alla sua ruota.

Nel 1937 il compositore tedesco Carl Orff mise in musica alcune di queste poesie.

Il brano più famoso è tra l’altro “O Fortuna” (il primo del filmato qui sopra) che apre e chiude la composizione (seguendo il penultimo link è possibile leggere il testo originale di tutti i Carmina Burana. Potete ascoltare il primo brano musicale di Orff e seguirne il testo latino riportato qui sotto).

ψ

O Fortuna
velut luna
statu variabilis,
semper crescis
aut decrescis;
vita detestabilis
nunc obdurat
et tunc curat
ludo mentis aciem,
egestatem,
potestatem
dissolvit ut glaciem.

Sors immanis
et inanis,
rota tu volubilis,
status malus,
vana salus
semper dissolubilis,
obumbrata
et velata
mihi quoque niteris;
nunc per ludum
dorsum nudum
fero tui sceleris.

Sors salutis
et virtutis
mihi nunc contraria,
est affectus
et defectus
semper in angaria.

Hac in hora
sine mora
corde pulsum tangite;
quod per sortem
sternit fortem,
mecum omnes plangite!

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 157 other followers